Tu sei qui: Home / In Parola / Pensando alla misericordia, di Rocco D'Ambrosio

Pensando alla misericordia, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 30/03/2019 15:34
La misericordia non è cosa facile, assolutamente...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, si avvicinavano a Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro».
Ed egli disse loro questa parabola: «Un uomo aveva due figli. Il più giovane dei due disse al padre: “Padre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta”. Ed egli divise tra loro le sue sostanze. Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte tutte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò il suo patrimonio vivendo in modo dissoluto. Quando ebbe speso tutto, sopraggiunse in quel paese una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. Allora andò a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube di cui si nutrivano i porci; ma nessuno gli dava nulla. Allora ritornò in sé e disse: “Quanti salariati di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi alzerò, andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi salariati”. Si alzò e tornò da suo padre.
Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Il figlio gli disse: “Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio”. Ma il padre disse ai servi: “Presto, portate qui il vestito più bello e fateglielo indossare, mettetegli l’anello al dito e i sandali ai piedi. Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”. E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò uno dei servi e gli domandò che cosa fosse tutto questo. Quello gli rispose: “Tuo fratello è qui e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo”. Egli si indignò, e non voleva entrare. Suo padre allora uscì a supplicarlo. Ma egli rispose a suo padre: “Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso”. Gli rispose il padre: “Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”»
(Lc 15, 1-32).

31 marzo 2019. La misericordia non è cosa facile, assolutamente. Provare misericordia per chi sbaglia contro di noi, per chi compie atti gravi, “perdonare settanta volte sette” (x) sono quasi opere disumane. Eppure - se siamo onesti - non possiamo negare che essa è il fulcro della nostra vita cristiana: Dio è “ricco di misericordia” (Ef 2,4), è “misericordioso” (Lc 6,36), “non gode della morte del peccatore ma che si converta e viva” (Ez 33,11). Detto questo… resta comunque difficile capire la misericordia, per alcuni aspetti impossibile, specie se ci riferiamo alla misericordia che Dio ha per noi e per il mondo intero.

Qualche anno fa, a Roma, le associazioni AltraMente e Cercasi un fine hanno organizzato un percorso sulla misericordia, in cui credenti e non si sono confrontati su come concepire e vivere la misericordia in questo (per chi volesse sono a disposizione gli atti, basta inviare una mail a direttore@cercasiunfine.it ). In quel percorso mi ha molto colpito come la misericordia fosse considerata seriamente anche da persone provenienti da altre culture e religioni. Oserei dire che, in alcuni casi, esercitasse un fascino più su di loro che sugli stessi cristiani presenti. Che strano… 

Forse va ammesso che noi cristiani, spesso, non facciamo molti sforzi per meditare e approfondire la misericordia di Dio. La parabola - cosiddetta - del Figliol Prodigo ci aiuta, ci dovrebbe aiutare molto, anche se spesso è commentata solo in modo moralistico e freddo emotivamente. La misericordia, invece, che il padre vive verso il figlio ha pensieri, emozioni, attese, gesti e premure che dovremmo imparare a memoria - si, imparare a memoria l’intero racconto! - e ripeterlo, con calma e attenzione, tutte le volte che vogliamo gustare nuovamente la misericordia del Padre. Ovvero quando ci chiedono, o ci ci chiediamo nel segreto di noi stessi, cosa sia la misericordia del Padre, dovremmo iniziare dicendo: “Un uomo aveva due figli. Il più giovane dei due disse al padre…”. I racconti fanno bene all’anima, quanto al fisico. E i racconti di Dio ci trasmettono pace e serenità in abbondanza.

Ma torniamo alla misericordia, difficile da capire. E qui il nostro sguardo e il nostro pensiero deve andare al figlio maggiore. Lui non capisce il perdono del padre; lui si indigna; lui si rifiuta di entrare; lui esprime la sua rabbia duramente: “Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso”. Cosa lo muove? Invidia? Gelosia? Ottusità? Superbia? Rigidità? Forse un po’ di tutto, messo insieme; anche se penso che invidia e superbia siano i fattori maggiori.

Penso al figlio maggiore come a un super cattolico - vescovo, prete o laico che sia, non importa - molto soddisfatto della posizione raggiunta, sicuro di quello che pensa, tanto da credere che Dio è in perfetta linea con i suoi pensieri, più incline a condannare che a perdonare. Non penso solo agli altri, ma penso anche a me stesso quando sono così. Un po’ di autoironia ci dovrebbe far ammettere quanto siamo ridicoli quando vestiamo questi panni. Ma se non riusciamo a ridere di noi stessi, almeno un po’ di onestà ci deve far ammettere che pretendere che Dio la pensi al nostro modo, pretendere di togliergli la libertà di perdonare all’infinito, è una delle più grande idiozie della storia. 

Ha scritto Fëdor Dostoevskij ne I fratelli Karamazov: «Vi sono anime che, nella loro limitatezza, accusano tutti quanti. Ma schiacciate quest'anima con la misericordia, mostratele l'amore, ed essa maledirà il suo operato, giacché in lei sono racchiusi tanti germi di bene. Quest'anima si dilaterà e si ravvederà di come Dio sia misericordioso». Che Dio ci aiuti a farlo, prima di tutto verso noi stessi. 

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.