Tu sei qui: Home / In Parola / Pastori o briganti, di Rocco D'Ambrosio

Pastori o briganti, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 06/05/2017 17:54
Ci sono pastori e ci sono briganti...

Il vangelo odierno: In quel tempo, Gesù disse: «In verità, in verità io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un’altra parte, è un ladro e un brigante. Chi invece entra dalla porta, è pastore delle pecore. Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori. E quando ha spinto fuori tutte le sue pecore, cammina davanti a esse, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce. Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei». Gesù disse loro questa similitudine, ma essi non capirono di che cosa parlava loro.
Allora Gesù
disse loro di nuovo: «In verità, in verità io vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza». (Gv 10, 1-10).

7 maggio 2017. E’ sempre un po’ difficile sottrarre la definizione di Gesù Buon Pastore a facili e fuorvianti sentimentalismi. Forse succede anche perché sappiamo poco di pecore, pastori, vita rurale, problemi e pericoli di una vita lavorativa difficile. Nel brano di oggi, prima ancora di definirsi “buon pastore”, Gesù fa riferimento a problemi concreti: ladri, briganti, porte da varcare. Eppure…

Gesù disse loro questa similitudine, ma essi non capirono di che cosa parlava loro. Questa annotazione fa un po' pensare. Quanto Gesù aveva detto prima non richiedeva particolari conoscenze della vita di pastorizia. Ma cos'è allora che gli apostoli non capiscono? La differenza  tra il pastore e i ladri o briganti? Non capiscono o non vogliono capire?

Tra i tanti meriti dell'attuale papa c'è quello di essere onesto e preciso nel criticare quello che nella Chiesa cattolica non va, pastori compresi. E pastori che sono ladri e briganti, lupi travestiti da pecore ce ne sono eccome. Dobbiamo negare la realtà? C'è da scandalizzarsi? Niente di tutto questo. Dobbiamo solo imparare continuamente da Gesù ciò che distingue i veri pastori dai ladri o briganti. Sono diversi gli elementi e meritano tanta attenzione.

Il pastore entra dalla porta. Il vero pastore non si nasconde e non ha nulla da nascondere.  Il suo ruolo è chiaro e riconosciuto. Chi fa il bene non ha paura di mettere la faccia; se si nasconde vuol dire che qualcosa non va.

Il pastore ascolta, chiama, conduce, precede le pecore. Quanta cura c’è in questi verbi! La cura degli altri che mi sono affidati. Non vale solo per i pastori ecclesiali vale per tutti coloro che hanno responsabilità in gruppi e istituzioni, dove sono affidate loro persone.

Un’ultima osservazione: il brano, specie la sua seconda parte fa capire che non ci sono vie di mezzo: o si è buon pastori o ladri e briganti. O il bene o il male. E’ un dualismo preciso, certamente carico anche di rischi di estremismi e integralismi. Non penso che il Signore voglia indurre a questi; quanto piuttosto al fatto che bisogna essere autentici, senza ambiguità. Se si fa il bene bisogna farlo per dare la vita e darla in abbondanza; se si fa il bene bisogna permettere agli altri di entrare attraverso di noi e trovar pascolo. Certo è un riferimento alto, difficile - è difatti Gesù il riferimento! - ma non possiamo barattarlo. Possiamo solo confessare le nostre debolezze e peccati. Nessuno può dire o immaginare di essere fuori pericolo. Tutti noi possiamo incontrare ladri e briganti o, ancor peggio, diventare noi stessi ladri e briganti.

Servire gli altri è bello quanto difficile, affascinante quanto faticoso. In sé e per sé il potere o è per il bene o non è, cioè diventa una perversione, che nega l’imprescindibile rapporto che c’è tra il servire e dare la vita; tra il comandare e fare del bene a tutti. Paul Tillich direbbe che proprio l’aver negato questo rapporto ha portato molti a giustificare teoricamente e praticamente il connubio tra potere e forza; ma, per quanto il potere possa servirsi di esse, il potere non coincide, né con l’una, né con l’altra. In altri termini si può dire che è improprio parlare di potere, se questo è segnato da violenze e ruberie di tutti i ladri e briganti. Il Buon Pastore vuole genitori, leader politici e culturali, capi economici e istituzionali capaci di dare la vita, ovvero sempre pronti ad ascoltare, chiamare, condurre, precedere le pecore. Altrimenti sono solo ladri e briganti. E di essi ne abbiamo già tanti, dentro come fuori il suo gregge.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.