Tu sei qui: Home / In Parola / Pastore e pecore, di Rocco D'Ambrosio

Pastore e pecore, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 14/09/2015 18:06
E’ sempre un po’ difficile sottrarre la definizione di Gesù Buon Pastore a facili e fuorvianti sentimentalismi. Forse succede anche perché sappiamo poco di pecore, pastori, vita rurale, problemi e pericoli di una vita lavorativa difficile...

 

Il vangelo odierno: In quel tempo, Gesù disse: «In verità, in verità io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un’altra parte, è un ladro e un brigante. Chi invece entra dalla porta, è pastore delle pecore.
Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori. E quando ha spinto fuori tutte le sue pecore, cammina davanti a esse, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce. Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei».
Gesù disse loro questa similitudine, ma essi non capirono di che cosa parlava loro.
Allora Gesù disse loro di nuovo: «In verità, in verità io vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo.
Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza».
(Gv 10, 1-10).

11.5.2014. E’ sempre un po’ difficile sottrarre la definizione di Gesù Buon Pastore a facili e fuorvianti sentimentalismi. Forse succede anche perché sappiamo poco di pecore, pastori, vita rurale, problemi e pericoli di una vita lavorativa difficile. Nel brano di oggi, prima ancora di definirsi “buon pastore”, Gesù fa riferimento a problemi concreti: ladri, briganti, porte da varcare. Eppure…

Gesù disse loro questa similitudine, ma essi non capirono di che cosa parlava loro. Questa annotazione fa un po' pensare. Quanto Gesù aveva detto prima non richiedeva particolari conoscenze della vita di pastorizia. Ma cos'è allora che gli apostoli non capiscono? La differenza  tra il pastore e i ladri o briganti? Non capiscono o non vogliono capire?

Tra i tanti meriti dell'attuale papa c'è quello di essere onesto e preciso nel criticare quello che nella Chiesa cattolica non va, pastori compresi. E pastori che sono ladri e briganti, lupi travestiti da pecore ce ne sono eccome. Dobbiamo negare la realtà? C'è da scandalizzarsi? Niente di tutto questo. Dobbiamo solo imparare continuamente da Gesù ciò che distingue i veri pastori dai ladri o briganti. Sono diversi gli elementi e meritano tanta attenzione.

Il pastore entra dalla porta. Il vero pastore non si nasconde e non ha nulla da nascondere.  Il suo ruolo è chiaro e riconosciuto. Chi fa il bene non ha paura di mettere la faccia; se si nasconde vuol dire che qualcosa non va.

Il pastore ascolta, chiama, conduce, precede le pecore. Quanta cura c’è in questi verbi! La cura degli altri che mi sono affidati. Non vale solo per i pastori ecclesiali vale per tutti coloro che hanno responsabilità in gruppi e istituzioni, dove sono affidate loro persone.

Un’ultima osservazione: il brano, specie la sua seconda parte fa capire che non ci sono vie di mezzo: o si è buon pastori o ladri e briganti. O il bene o il male. E’ un dualismo preciso, certamente carico anche di rischi di estremismi e integralismi. Non penso che il Signore voglia indurre a questi; quanto piuttosto al fatto che bisogna essere autentici, senza ambiguità. Se si fa il bene bisogna farlo per dare la vita e darla in abbondanza; se si fa il bene bisogna permettere agli altri di entrare attraverso di noi e trovar pascolo. Certo è un riferimento alto, difficile - è difatti Gesù il riferimento! - ma non possiamo barattarlo. Possiamo solo confessare le nostre debolezze e peccati. Nessuno può dire o immaginare di essere fuori pericolo. Tutti noi possiamo incontrare ladri e briganti o, ancor peggio, diventare noi stessi ladri e briganti.

Servire gli altri è bello quanto difficile, affascinante quanto faticoso. In sé e per sé il potere o è per il bene o non è, cioè diventa una perversione, che nega l’imprescindibile rapporto che c’è tra il servire e dare la vita; tra il comandare e fare del bene a tutti. Paul Tillich direbbe che proprio l’aver negato questo rapporto ha portato molti a giustificare teoricamente e praticamente il connubio tra potere e forza; ma, per quanto il potere possa servirsi di esse, il potere non coincide, né con l’una, né con l’altra. In altri termini si può dire che è improprio parlare di potere, se questo è segnato da violenze e ruberie di tutti i ladri e briganti. Il Buon Pastore vuole genitori, leader politici e culturali, capi economici e istituzionali capaci di dare la vita, ovvero sempre pronti ad ascoltare, chiamare, condurre, precedere le pecore. Altrimenti sono solo ladri e briganti. E di essi ne abbiamo già tanti, dentro come fuori il suo gregge.

Rocco D’Ambrosio


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.