Tu sei qui: Home / In Parola / Oltre le paure, di Rocco D'Ambrosio

Oltre le paure, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 20/06/2020 16:04
Gli storici potranno dirci se questo periodo è più segnato dalle paure o meno. Ma, al di là di quello che dicono gli esperti, le nostre paure restano. Restano eccome...

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: 

«Non abbiate paura degli uomini, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze. E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo. 

Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri! Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli». (Mt 10,26-33)

21 giugno 2020. Ne abbiamo avuto - ne abbiamo ancora - di paure in questo lungo periodo di crisi sanitaria. Siano esse piccole o grandi paure, sono, in fondo, le paure di sempre, su tanti versanti: salute, relazioni, lavoro, terrorismo, incidenti, violenze e cattiveria altrui, guerre e via discorrendo. La nostra è un'era di paure più dei secoli e tempi passati? Non lo so. Certamente  un'epoca senza paure non è mai esistita. Certamente il Covid-19 le ha amplificate.

Gli storici potranno dirci se questo periodo è più segnato dalle paure o meno. Ma, al di là di quello che dicono gli esperti, le nostre paure restano. Restano eccome. Ogni giorno, spesso ogni ora. Sono lì. A volte crescono, a volte si indeboliscono. A volte ci distruggono. A volte le vinciamo e andiamo avanti. Riflettevo, in questi giorni, sulla scia di un libro di William Davies - Stati nervosi. Come l’emotività ha conquistato il mondo - sulla centralità del nostro corpo, anche nel discorso delle paure. Il corpo inteso come intreccio di emozioni e pensieri, progetti e paure. “Il corpo – scrive William Davies – è diventato una delle principali aree di scontro degli esperti e delle loro prospettive morali, emotive e politiche”.

In questo marasma, personale e sociale, e globale, l'invito di Gesù è chiarissimo quando ci dice: "Non abbiate paura". E aggiunge: “paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo”. I teologi direbbero parlerebbero di salvezza che si compie in un “luogo teologico”, nel “tempio dello Spirito Santo” (1 Cor 6,19), cioè il nostro corpo. Quel corpo, che in questa crisi, è stato attaccato dal virus, in alcuni casi privato del respiro, ha somatizzato paure. Quel corpo che soffre, nel mondo, dove più, dove meno, per mancanza di cibo, salute e medicinali, lavoro e relazioni; soffre perché manca il benessere. Ma non dobbiamo aver paura! Questo corpo vale, è custodito dal buon Dio: “Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri!”.

La fede è anche ostinazione. Se ho paura, devo portare le mie paure davanti al Signore e chiedergli: chi sei per me? Perché mi ripeti "non aver paura"? Dobbiamo anche chiedergli di insegnarci ad abbandonarci a Lui. Come i passeri, ovvero come creature nude, fragili e indifese. L'abbandono nelle mani di Dio non è cosa per i forti, i pieni di se e potenti. I piccoli hanno spesso paura, tanta. Ma quando sono nelle braccia di mamma o papà le loro paure finiscono. Noi siamo passeri, siamo piccoli. Solo le braccia del Padre sono il porto che ci salva da tutte le paure.

Ha scritto Dietrich Bonhoeffer, tra le diverse e serie paure del campo di concentramento dove era prigioniero: "Comprendete l'ora della tempesta e del naufragio, è l'ora della inaudita prossimità di Dio, non della sua lontananza. Là dove tutte le altre sicurezze si infrangono e crollano e tutti i puntelli che reggevano la nostra esistenza sono rovinati uno dopo altro, là dove abbiamo dovuto imparare a rinunciare, proprio là si realizza questa prossimità di Dio, perché Dio sta per intervenire, vuol essere per noi sostegno e certezza. Egli distrugge, lascia che abbia luogo il naufragio, nel destino e nella colpa; ma in ogni naufragio ci ributta su di Lui. Questo ci vuole mostrare: quando tu lasci andare tutto, quando perdi e abbandoni ogni tua sicurezza, ecco, allora sei libero per Dio e totalmente sicuro in Lui”.

Rocco D'Ambrosio 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.