Tu sei qui: Home / In Parola / Meta e impegno, di Rocco D'Ambrosio

Meta e impegno, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 16:26
Ho sempre pensato che la festa dell'ascensione sia uno degli episodi, a un tempo, più "terrestri" e "celesti" del Vangelo. Lo penso anche perché è insito nella fede cristiana oscillare tra un guardare tanto, spesso troppo, il cielo e un guardare tanto, spesso troppo, la terra...

 

Il vangelo odierno: In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni. Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto».

Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio (Lc 24, 46-53).

12.5.2013. I distacchi nella vita sono carichi spesso di pesi, spesso quasi insopportabili. Si staccò da loro - dice il Vangelo - e veniva portato su, in cielo. Fu un distacco ancora più difficile. Nella sua condizione di risorto, di ritornato in vita, forse i discepoli di Gesù pensavano di averlo con loro oramai per sempre. Non fu così: andò via, scomparve verso il cielo.

Ho sempre pensato che la festa dell'ascensione sia uno degli episodi, a un tempo, più "terrestri" e "celesti" del Vangelo. Lo penso anche perché è insito nella fede cristiana oscillare tra un guardare tanto, spesso troppo, il cielo e un guardare tanto, spesso troppo, la terra. Aristotele insegna che la virtù sta nel mezzo; del resto il buon senso spicciolo ci avverte che chi guarda troppo il cielo... cade nelle buche e chi guarda troppo per terra... sbatte contro gli ostacoli. L'ascensione al cielo ci aiuta a mantenerci nel mezzo, a essere virtuosi senza esagerare ed evitando gli estremismi. Più volte Gesù ricorda che il cielo è la meta: viviamo e lavoriamo per andare in cielo, per raggiungere la gioia e la serenità senza fine. Il Cielo è il punto di riferimento: non a caso nel Padre Nostro chiediamo che la sua volontà sia fatta come in Cielo così in terra. Ma il Cielo di Gesù ci rimanda alla terra. È Gesù a inviare i suoi discepoli come testimoni sino ai confini del mondo, a tutti i popoli.

La parte "terrestre" di questa festa è l'essere inviati come testimoni, ma anche l'essere sostenuti in questo difficile compito: Di questo voi siete testimoni. Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto. Non mi dilungo su ciò perché conosciamo bene il dinamico scambio tra il nostro impegno di testimonianza e il sostegno della partenza dall'alto, cioè il Suo Spirito.

L'icona dell'ascensione, il suo dinamismo terrestre-celeste non è solo un'icona da contemplare è anche una "misura" della nostra vita. I distacchi, di qualsiasi natura siano, creano molte reazioni che vanno da un estremo all'altro. Non solo i distacchi ma anche piccoli e grandi scossoni che riceviamo sul piano fisico, intellettuale o emotivo, ci portano ad oscillare tra terrestre e celeste continuamente. La virtù mediana è collegare continuamente, nel cuore come nella mente, la meta con l'impegno e viceversa. Non è certamente facile ma è l'equilibrio della nostra fede. Per mantenere meta e impegno in sintonia e in vitale rapporto aiuta molto la formula di Bonhoeffer: Noi viviamo nel penultimo e crediamo nell’ultimo.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.