Tu sei qui: Home / In Parola / Liberati dal denaro, di Rocco D'Ambrosio

Liberati dal denaro, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 03/08/2019 03:37
“Cupidigia” è un termine quasi fuori moda. Usiamo più il termine avarizia, desiderio di ricchezze. “Cupidigia” un po’ meno. Eppure l’atteggiamento è tutt’altro che fuori moda...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?».
E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede».
Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio»
(Lc 12, 13-21).

4 agosto 2018. Non so se avete mai sentito, o vissuto, storie di eredità. Sono tra le più brutte e tristi che si possano avere nel campo delle relazioni: fratelli e sorelle che si incattiviscono per un pugno di euro in più, infangando la memoria dei genitori e dei parenti defunti. Gesù sembra non volerci entrare: “O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?”. Eppure il suo non è disinteresse ma un voler evidenziare l’origine di questi atteggiamenti: la cupidigia. Infatti aggiunge: “Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede”.

“Cupidigia” è un termine quasi fuori moda. Usiamo più il termine avarizia, desiderio di ricchezze. “Cupidigia” un po’ meno. Eppure l’atteggiamento è tutt’altro che fuori moda: avidità sfrenata - dice il vocabolario - di ricchezze, di possesso. Forse è così diffusa che rifiutiamo di chiamarla per nome. Forse è così all’origine di tanti guai personali e sociali, nazionali e globali da far finta di non riconoscerla. Di questi tempi dovremmo pensare a quanta cupidigia è alla base delle violenze che si moltiplicano attorno a noi.

Si ruba, si uccide, si spaccia, si traffica, si abusa del proprio potere, si umiliano istituzioni e persone, si falsano bilanci e leggi, si tradiscono amici, si abbandonano o si spaccano famiglie, si vendono figli e persino sacramenti, ci si rende la vita infelice (la propria e l’altrui) pur di avere di più, sempre di più. Come l’uomo ricco di cui parla Gesù: accumula, accumula… Ma a che gli serve, se deve morire? E quello che ha accumulato di chi sarà? Forse di parenti litigiosi che si scanneranno perché anche loro devono accumulare sempre di più. Pensiamo ai drammi delle eredità contese tra figli, spesso anche per poche centinaia di euro!

Quella dell’avidità è una spirale che va interrotta quanto prima. Prima che ci rovini la vita; se non l’ha già fatto. Ma come interrompere questa spirale di avidità? I maestri di vita spirituale indicano diverse vie. Iniziamo da una delle prime: l’accontentarsi di quello che si ha. Saper vivere con quello che si ha. Saper arrangiarsi anche quando quello che si ha rasenta la sufficienza. Saper ringraziare Iddio per quello che ci dona e ricordarci, con una carità operosa, di chi ha meno. 

La nostra vita non dipende dai beni, ci ammonisce Gesù. Dobbiamo lavorare, risparmiare, investire ma senza diventare avidi. Se diventiamo avidi, se non ci accontentiamo vuol dire che facciamo dipendere la nostra vita dai beni. Penso a tanti professionisti, avidi di denaro e ricchezze, che pensano di essere “buoni” imprenditori, medici, architetti, ingegneri, avvocati, commercialisti, consulenti, politici, ecclesiastici, e così via, solo perché guadagnano molto e rapidamente. La loro vita, la loro maturità e realizzazione professionale dipendono dai beni. Hanno perso il senso e il gusto di vivere. Sono morti, nel cuore e nella mente, di avidità. Che tristezza. Ma non sono solo loro così. Anche quelli meno ricchi, operai e lavoratori dipendenti, persino disoccupati, spesso, anche loro, sono morsi dall’avidità. Non perché hanno ma perchè vorrebbero avere e muoiono di invidia nel guardare chi ha. Tutti, ricchi e poveri, se sono avidi, diceva Mazzolari sono “solo ingordi che vogliono mangiar ancora, mangiar sempre, null’altro che mangiare”. 

Che il Signore ci liberi tutti, ricchi e poveri, da questo tarlo. Nel finale della parabola Gesù ci ricorda: Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio. Non so cosa significhi arricchire presso Dio. Tento un’interpretazione: cosa fa ricco nostro Signore? Non è l’amore e la tenerezza per tutti? Di amore possiamo e dobbiamo essere ricchi. Altrimenti ci siamo resi la vita infelice, solo perché il denaro è diventato più importante di persone e affetti. Ma non vale la pena dare tutto questo potere, nella nostra vita, al denaro e alle ricchezze. In nessun modo, per nessun motivo. Mai.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO è stato già spedito.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 luglio 2020.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 agosto 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i sociale? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 30 settembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.