Tu sei qui: Home / In Parola / Leader alla prova, di Rocco D'Ambrosio

Leader alla prova, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 03/12/2016 08:16
Giovanni Battista fu un leader autentico e probo. La scena italiana (e non solo) demoralizza molto perché di leader autentici ce ne sono pochi, molto pochi...

 

Il Vangelo odierno: In quei giorni, venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea dicendo: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!». Egli infatti è colui del quale aveva parlato il profeta Isaìa quando disse: «Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!».
E lui, Giovanni, portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano cavallette e miele selvatico. Allora Gerusalemme, tutta la Giudea e tutta la zona lungo il Giordano accorrevano a lui e si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.
Vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere! Chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all’ira imminente? Fate dunque un frutto degno della conversione, e non crediate di poter dire dentro di voi: “Abbiamo Abramo per padre!”. Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare figli ad Abramo. Già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Io vi battezzo nell’acqua per la conversione; ma colui che viene dopo di me è più forte di me e io non sono degno di portargli i sandali; egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala e pulirà la sua aia e raccoglierà il suo frumento nel granaio, ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile».
(Mt 3, 1-12).

4 dicembre 2016. E’ stata una settimana (e anche più) molto difficile per il nostro Paese. Lungi da me la tentazione di scrivere sul referendum. Mi approccio al momento che abbiamo vissuto perché il Vangelo ci presenta un leader di classe: Giovanni il Battista. E la nostra fede ci spinge a seguire i modelli evangelici di esercizio del potere, laico o religioso che sia. Giovanni Battista fu un leader autentico e probo. La scena italiana (e non solo) demoralizza molto perché di leader autentici ce ne sono pochi, molto pochi. La maggioranza è fatta di populisti, venditori di tappeti, finti salvatori della patria, ingordi di denaro e potere, corrotti e via discorrendo.

Sul Battista propongo tre sintetiche riflessioni: lo stile, la franchezza, l’umiltà.

Lo stile. Scrive Matteo: “Giovanni, portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano cavallette e miele selvatico”. Facendo la doverosa traduzione storico-culturale, diremmo che era un uomo essenziale, ovvero senza fronzoli. Essere leader comporta un carico di responsabilità, attenzioni, cure, strategie: come ci potrebbe perdere in fronzoli e chiacchiere? Se uno esercita le sue responsabilità fino in fondo non ha tempo per fronzoli e chiacchiere. Se invece perde tempo con vanità e stupidità, molto probabilmente vuol dire che è un pessimo leader.

La franchezza. Giovanni è una voce forte; è diretto, usa discorsi semplici e duri: “disse loro: «Razza di vipere! Chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all’ira imminente? … non crediate di poter dire dentro di voi: “Abbiamo Abramo per padre!”. Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare figli ad Abramo. Già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco”. Non sono parole misurate con il criterio dell’opportunità. Non a caso il termine “inopportuno” sembra essere uno dei più citati, in un certo gergo ecclesiastico, quando vengono valutate persone e realtà comunitarie profetiche. A coloro che tentano di riportare il discorso sui tanti tradimenti del Vaticano II, spesso li attende la qualifica di inopportuni e il divieto di parlarne, discutere, fare chiarezza e discernimento, proporre nuovi modelli pastorali, esercitare la vigilanza e la profezia sulla Chiesa e sul mondo, in tutti i loro ambiti.

L’umiltà. In un’opera grande e coraggiosa come quella del Battista, ci vuole tanta umiltà per affermare: “Colui che viene dopo di me è più forte di me e io non sono degno di portargli i sandali”. I leader falsi e perversi pensano, anche se non sempre lo dicono: “dopo di me… il diluvio! - come me non c’è nessuno - sono gli altri che mi devono servire” e via discorrendo. Il sentirsi “tassello” di un’opera più grande, il sentirsi parte di una storia più grande… rende autenticamente grandi. Il sentirsi inizio e fine della storia rende profondamente stupidi. I leader se voglio essere autentici e saggi devono essere umili, altrimenti diventano stupidi e sciocchi.

Pensiamoci un attimo prima di mettere, alla napoletana maniera, le statuine dei leader attuali nel presepe: sono veramente pochi quelli degni di entrare ad adorare il Bambino. Il Vangelo ci ricorda che, oltre ai suoi genitori, c’erano solo alcuni pastori e, poi, i tre magi. La dice lunga in termini di autentica leadership.

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?) .

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.