Tu sei qui: Home / In Parola / Le paure e il Dio buono, di Rocco D'Ambrosio

Le paure e il Dio buono, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 12/11/2016 17:06
Ci mancavano i conduttori di Radio Maria e il quadro è (quasi) completo: idiozie, superstizioni, magie, eresie per spiegare terremoti, scelte sociali e politiche, vite personali. Tutto ingredienti per creare più paura e insicurezza di quante già ce ne siano...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.
Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere.
Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.
Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita»
(Lc 21, 5-19).

13.11.2016. Ci mancavano i conduttori di Radio Maria e il quadro è (quasi) completo: idiozie, superstizioni, magie, eresie per spiegare terremoti, scelte sociali e politiche, vite personali. Tutto ingredienti per creare più paura e insicurezza di quante già ce ne siano. Tralasciamo la posizioni di questi irresponsabili - per ignoranza o malafede, Dio sa! - poniamo attenzione, invece, alla parola di Gesù: “Non vi terrorizzate”.  La fine del mondo verrà, Gesù ritornerà e instaurerà il Suo regno in modo definitivo. Ma ci sono dei passaggi importanti che il brano ci suggerisce: essi ci aiutano non solo a capire ma anche a non aver paura, a non terrorizzarci.

Gesù ci invita a non farci ingannare da persone ed eventi. Prima di tutto i falsi profeti. Essi vogliono sostituirsi al Cristo. Gesù non dice se sono interni o esterni al suo gregge. Ci sono e si mostrano tali perché dicono di essere il Cristo e credono di sapere tempi e scadenze, motivazioni dei cataclismi e futuri scenari. Niente di più falso. I falsi profeti c’erano e ci sono: meditazione della Parola, discernimento, preghiera e dialogo nella comunità sono i consigli di sempre per smascherarli e allontanarli.

Riguardo agli eventi Gesù è molto più accurato. Ci saranno - ci sono - guerre e rivoluzioni, nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo. Ma essi non sono la fine. Essi sono eventi che segnano la storia, ma non è Dio a mandarli. Spiega San Tommaso: “Detrarre alla perfezione delle creature è detrarre alla perfezione della capacità stessa di Dio”. Gli eventi succedono perché rispondono a logiche naturali. Certo: Dio la guida la storia ma non nel senso che interviene a ogni piè sospinto ma nel senso che la conduce verso una finalità: l’instaurazione definitiva del suo Regno.

Inoltre Gesù non propugna una lettura apocalittica dello spavento, ma una lettura teologica della storia. Lui è il Signore, ritornerà e instaurerà definitivamente il Suo Regno e lo consegnerà al Padre. E Dio sarà tutto in tutti. Se si crede in ciò si capisce e si segue l’invito: “non vi terrorizzate”. Perché siamo certi che prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine.

Proprio perché la fine è collegata al ritorno del Cristo e non a eventi straordinari il Signore Gesù vuole preparare i suoi discepoli al suo ritorno. E qui viene la parte ancora più dura: Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza.

Quante volte abbiamo riflettuto sulla testimonianza! Spesso l’abbiamo solo ridotta a un fatto morale: si è testimoni se si è coerenti. Certamente ciò è vero. Ma non è solo un fatto morale. Il brano sposta l’attenzione su un’altra dimensione della testimonianza, importante e necessaria quanto la prima. Si tratta di quella parola e sapienza per resistere ad avversari e persino a parenti e amici che ci tradiscono. E’ possibile? Abbiamo la forza per farlo? I martiri lo hanno fatto. E noi?

Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita, ammonisce Gesù. Che Lui ci aiuti a non soccombere e ad aspettarlo con forza e sapienza.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.