Tu sei qui: Home / In Parola / L'anno nuovo e un secchio, di Rocco D'Ambrosio

L'anno nuovo e un secchio, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 31/12/2015 14:46
A essere onesti, forse un po’ fuori luogo per l’occasione, ma diversi auguri che ascoltiamo in queste ore sono sostanzialmente vuoti, a volte anche ipocriti e stucchevoli...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro.
Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore.
I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro.
Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo
(Lc 2, 16-21).

1 gennaio 2016. A essere onesti, forse un po’ fuori luogo per l’occasione, ma diversi auguri che ascoltiamo in queste ore sono sostanzialmente vuoti, a volte anche ipocriti e stucchevoli. Ovviamente esistono anche occasioni e forme di auguri fatte col cuore, in sincerità e affetto autentici. E’ sempre stato così nella storia: ogni società ha i suoi rituali, quelli legati allo scandire del tempo sono fra i più diffusi. E, in essi, vero e falso in genere si contrappongono, alcune volte si confondono.

Se dovessimo ascoltare gli auguri di alcuni politici populisti perderemmo ogni speranza e un bel rituale si trasformerebbe - come di fatto per loro accade - in una sfilza di ottimismo a buon mercato, numeri usati col metodo del gioco delle tre carte, previsioni infondate e sopratutto promesse, promesse e ancora promesse. Quanto basta per cambiare canale.

Iniziamo l’anno nel giorno liturgico dell’ottava di Natale, dedicato a Maria, madre del Figlio di Dio. Non c’è contrapposizione più chiara di questa. Se da una parte ciarlatani, cartomanti, politicanti, falsi amici e venditori di frottole, spargono auguri inconsistenti; dall’altra, per noi cristiani, c’è una donna umile e saggia che parla poco, pochissimo e custodisce molto, moltissimo nel suo cuore. Cosa custodisce? Quello che accade a sé, al suo Figlio, a chi gli fa visita. Custodisce il bene e il bello, che è in lei e attorno a lei. Non che la sua vita non abbia prove e dolori, ma lei custodisce suo Figlio e la bellezza e la bontà che Lui emana e richiama attorno a sé.

Custodire è una bella parola. Il vocabolario elenca le tante sfumature che ha in sé: vigilare, sorvegliare, aver cura, nutrire, mantenere, preservare. Per varcare bene la soglia dell’anno, e introdursi al nuovo, dobbiamo custodire il bello e il buono che il Signore ci ha donato quest’anno e con esso entrare nel nuovo. E’ quanto ci indicava Italo Calvino all’inizio del nuovo millennio: “Così, a cavallo del nostro secchio, ci affacceremo al nuovo millennio, senza sperare di trovarvi nulla di più di quello che saremo capaci di portarvi”.

Vi auguro Buon Anno così: a cavallo del vostro secchio con tutto il bello e il buono che custodite in voi.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.