Tu sei qui: Home / In Parola / La sfida di Maria, di Rocco D'Ambrosio

La sfida di Maria, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 17/09/2015 16:31
Senza ipocriti discorsi sul consumismo e sul mondo di oggi. Lasciando solo che il mondo di oggi sia… il mondo di oggi. E noi un po’ più vicini all’umiltà, al nascondimento e alla docilità di Maria...

 

Il Vangelo odierno:In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei (Lc 1, 26-38).

21 dicembre 2014. Spesso quando si riflette su questo brano, molte attenzioni vengono riservate alla giovane età, al suo essere vergine e al non aver conosciuto uomo. Sono certamente elementi importanti ma sono tutti previ all'evento: Dio la sceglie perché è così. Ma non la lascia così! Non solo la rende madre, ma la investe di una missione: dare al mondo il Salvatore, che sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo.

La grandezza del Figlio è inversamente proporzionale al contesto del concepimento. Eppure la grandezza del Figlio dipende essenzialmente dalla piccolezza e umiltà del concepimento. Non ho mai apprezzato i panegirici sulla grandezza di Maria, nell’annunciazione come in altri momenti, così esagerati da presentarla quasi come un “piccolo Dio”. Maria è solo serva fedele, la sua “grandezza” è umiltà, nascondimento, docilità. Per queste doti e grazie a queste doti il Figlio dell’Altissimo viene al mondo. Diremmo un grande evento, grandi persone, grandi progetti, avvolti tutti nell’umiltà e nascondimento.

E veniamo a noi. Avremo un grande Natale? E, se pure fosse, a che serve? A niente. Dio non ama le manifestazioni plateali, “resiste ai superbi e rovescia i potenti dai troni” (Lc 1, 51), si fa conoscere a chi non da sfoggio di sé e fugge ogni autoreferenzialità. Quindi il Natale, per definizione, non è grande, né forte, né sorprendente. E’ altro. E’ quello di Maria nell’Annunciazione, di Maria, Giuseppe e i pastori a Betlemme.

L’ultima domanda è se possiamo vivere questo Natale, in contesti che aspirano a grandezze e dismisure. Senza ipocriti discorsi sul consumismo e sul mondo di oggi. Lasciando solo che il mondo di oggi sia… il mondo di oggi. E noi un po’ più vicini all’umiltà, al nascondimento e alla docilità di Maria. Non è solo una riflessione, è anche una sfida. Per conservarci autentici.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?) .

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.