Tu sei qui: Home / In Parola / La preghiera e il cuore, di Rocco D'Ambrosio

La preghiera e il cuore, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 18:26
La nostra preghiera non è, e non può essere, sempre la stessa, con medesime intensità e trasporto, pace e calma, concentrazione e serenità. La preghiera cambia come cambia la vita per diversi fattori...

 

Il Vangelo odierno: Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli». Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite:
“Padre,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno;
dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,
e perdona a noi i nostri peccati,
anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore,
e non abbandonarci alla tentazione”».
Poi disse loro: «Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: “Amico, prestami tre pani, perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli”; e se quello dall’interno gli risponde: “Non m’importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto, non posso alzarmi per darti i pani”, vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono.
Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto.
Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!».
(Lc 11, 1-13).

28.7.2013. Ci sono fasi della vita in cui, tra le tante domande fondamentali, c’è anche quella sulla preghiera, sul dialogo con il Dio in cui crediamo. Ho trovato sempre sorprendente notare come, anche per i miei amici atei o in crisi di fede, qualora la domanda sulla fede riemergesse, per diversi motivi, immediatamente fosse accompagnata da una domanda sulla preghiera. Forse tutti, chi più chi meno, ci saremo chiesti, almeno una volta: ma io so pregare? O, come il discepolo, ancora più direttamente avremo chiesto al buon Dio: Signore, insegnaci a pregare.

Ha scritto Thomas Merton, grande maestro di preghiera: In tutte le distrazioni la volontà di pregare è l’essenza della preghiera, è il desiderio di trovare Dio, di vederlo, di amarlo, è ciò che solo mi importa. Pensiamo alle distrazioni della vita, pensiamo alle distrazioni mentre preghiamo, pensiamo a tutte le possibili distrazioni che ci allontanano da un colloquio profondo e costante con il Buon Dio, ebbene l’essenza è nella volontà di pregare. Agostino direbbe che il tuo stesso desiderio è la tua preghiera: e il continuo desiderio è una continua preghiera.

Allora la nostra attenzione non deve volgersi a metodi e spazi, parole e gesti (per quanto necessari e importanti) ma al desiderio del cuore: voglio pregare o no? Voglio incontrare il Signore o no? Mi piace stare con lui o no? Se c’è desiderio-volontà, il resto viene da sé. Certo alcune volte va meglio, altre volte va peggio. La nostra preghiera non è, e non può essere, sempre la stessa, con medesime intensità e trasporto, pace e calma, concentrazione e serenità. La preghiera cambia come cambia la vita per diversi fattori: età, pensieri, emozioni, relazioni, lavoro, prove, dolori, progetti, gioie e via dicendo. Ma, in tutto questo, il desiderio di pregare costituisce il filo di unione con Dio, nonostante tutto, nonostante le varie mutazioni. Forse dovremmo preoccuparci non tanto degli alti e bassi della nostra preghiera, in termini di costanza e concentrazione, quanto degli alti e bassi del nostro desiderio di stare un po’ con il buon Dio. Solo e solamente con Lui.

Se il cuore diventa l’ottica d’interpretazione della vita di preghiera, comprendiamo anche il perché, sulla preghiera, il Vangelo abbia due consigli, apparentemente, contrastanti. Da una parte Gesù qui dice: Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto; dall’altra, in un altro passo, afferma: Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole (Mt 6, 7). L’apparente contrasto si risolve se ci ricordiamo che Gesù vuole l’insistenza del cuore e non delle formule. Ovvero Gesù vuole l’insistenza dell’amore pieno e non quella delle parole vuote.

Un’ultima considerazione. Il desiderio di pregare lo si alimenta anche pensando alla continuità che esiste fra la nostra vita attiva e i pochi spazi di preghiera e meditazione che riusciamo a vivere. Ha scritto Giorgio La Pira, politico di preghiera e di azione: Il mondo “profano”, cioè il mondo specificatamente umano, che si edifica attraverso la vita tecnica, economica, sociale, politica e culturale, questo mondo che è, in certo modo il mondo dell’azione, dell’attività estrema, del dinamismo incessante, domanda spesso inconsapevolmente, una sola cosa: l’acqua della grazia, la dolcezza sperimentata dal silenzio, le vitali intuizioni della solitudine, i frutti soavissimi dell’orazione, le delicate e verginali purità della luce interiore.

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.