Tu sei qui: Home / In Parola / La porta stretta, di Rocco D'Ambrosio

La porta stretta, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 20/08/2016 16:57
La domanda del Vangelo di oggi ci aiuta a precisare alcuni elementi della religione autentica. La domanda cruciale è: “Signore, sono pochi quelli che si salvano?”. Doveva essere una specie di assillo questa domanda...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù passava insegnando per città e villaggi, mentre era in cammino verso Gerusalemme.
Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?».
Disse loro: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno.
Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, voi, rimasti fuori, comincerete a bussare alla porta, dicendo: “Signore, aprici!”. Ma egli vi risponderà: “Non so di dove siete”. Allora comincerete a dire: “Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze”. Ma egli vi dichiarerà: “Voi, non so di dove siete. Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia!”.
Là ci sarà pianto e stridore di denti, quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, voi invece cacciati fuori.
Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. Ed ecco, vi sono ultimi che saranno primi, e vi sono primi che saranno ultimi»
(Lc 13, 22-30).

21 agosto 2016. In giro per il mondo - come è sempre stato e papa Francesco lo ricorda con frequenza e precisione - c’è molta religione… che religione non è! Dal fanatismo al terrorismo, dalla magia al fondamentalismo, dalle processioni in mano ai mafiosi al dio denaro, adorato e venerato anche in alcune comunità di fede religiosa, c’è sempre da essere molto vigili: non sempre  ciò che si definisce religione è veramente tale.

La domanda del Vangelo di oggi ci aiuta a precisare alcuni elementi della religione autentica. La domanda cruciale è: “Signore, sono pochi quelli che si salvano?”. Doveva essere una specie di assillo questa domanda che il tale gli pone. Del resto non poteva essere diversamente: è così in ogni religione. Le promesse sono tante e importanti. Naturalmente sorge la domanda: ciò che è promesso è per tutti? Ma la preoccupazione di Gesù sembra essere un’altra. Lui la chiama “porta stretta”. Confesso che essa mi spaventa un po’. Sia per cultura che per formazione ho sempre dato all’affermazione un carattere morale. La porta stretta è la coerenza con gli insegnamenti del Vangelo; è l’accettare quello che Dio ci manda, buono o cattivo che sia; è il no ad avere pretese e così via.

Porta stretta è discernere se attribuisco a Dio pensieri e sentimenti che sono miei, nostri, più che suoi. Porta stretta è liberarsi di atti esterni (processioni, facili devozionismi, preghiere dette senza cuore) e recuperare il cuore e la mente orientati a Dio, in semplicità e verità. Porta stretta è amare tutti, anche quelli che la pensano diversamente da me o quelli che hanno pelle o cultura o religione o lavoro diversi dal mio. Porta stretta è obbedire a Dio e non pretendere che Lui obbedisca a noi e alle sciocchezze che professiamo. La porta, spesso, è cosi stretta che ci fa anche sentire la terribile paura di non farcela, di essere tra quelli che sono rimasti fuori, a bussare alla porta, dicendo: “Signore, aprici!”. La terribile paura di sentirsi dire dal Signore: Non so di dove siete. Sarà così per me? Non penso di essere il solo a chiederselo.

Ritorniamo al brano. Chi sono quelli esclusi? Gesù dice: “Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia”. Forse può aiutare il chiederci cosa operiamo nella nostra vita. Giustizia o ingiustizia?

Forse un po’ di paura - ma non troppa - conviene averla; gli antichi la chiamavano timor di Dio. Se non c’è timor di Dio si rischia di diventare presuntuosi come molti degli ascoltatori di Gesù. Sono quelli che si ritroveranno la sorpresa di vedere lì nella gloria Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, mentre loro cacciati fuori; sono quelli che hanno dimenticato che Dio sorprende e non è mai schiavo di schemi rigidi: “Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. Ed ecco, vi sono ultimi che saranno primi, e vi sono primi che saranno ultimi”.

Ma Dio non è solo sorpresa, è anche infinita misericordia...  Ma la paura di non farcela resta. La porta resta stretta. Credo che non ci sia altro da dire. Il resto è preghiera: Signore aiutaci…

Rocco D’Ambrosio


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.