Tu sei qui: Home / In Parola / La misericordia, il papa e i filantropi, di Rocco D'Ambrosio

La misericordia, il papa e i filantropi, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 15/06/2013 14:59
La misericordia ritorna spesso nelle parole e nei gesti di Francesco. Ma perché il papa non piace ad alcuni? Non è la misericordia il cuore dell’annuncio di Cristo? Può non piacere a chi crede in Cristo?

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, uno dei farisei invitò Gesù a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. Ed ecco, una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, portò un vaso di profumo; stando dietro, presso i piedi di lui, piangendo, cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di profumo.
Vedendo questo, il fariseo che l’aveva invitato disse tra sé: «Se costui fosse un profeta, saprebbe chi è, e di quale genere è la donna che lo tocca: è una peccatrice!».
Gesù allora gli disse: «Simone, ho da dirti qualcosa». Ed egli rispose: «Di’ pure, maestro». «Un creditore aveva due debitori: uno gli doveva cinquecento denari, l’altro cinquanta. Non avendo essi di che restituire, condonò il debito a tutti e due. Chi di loro dunque lo amerà di più?». Simone rispose: «Suppongo sia colui al quale ha condonato di più». Gli disse Gesù: «Hai giudicato bene».
E, volgendosi verso la donna, disse a Simone: «Vedi questa donna? Sono entrato in casa tua e tu non mi hai dato l’acqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. Tu non mi hai dato un bacio; lei invece, da quando sono entrato, non ha cessato di baciarmi i piedi. Tu non hai unto con olio il mio capo; lei invece mi ha cosparso i piedi di profumo. Per questo io ti dico: sono perdonati i suoi molti peccati, perché ha molto amato. Invece colui al quale si perdona poco, ama poco».
Poi disse a lei: «I tuoi peccati sono perdonati». Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: «Chi è costui che perdona anche i peccati?». Ma egli disse alla donna: «La tua fede ti ha salvata; va’ in pace!».
In seguito egli se ne andava per città e villaggi, predicando e annunciando la buona notizia del regno di Dio. C’erano con lui i Dodici e alcune donne che erano state guarite da spiriti cattivi e da infermità: Maria, chiamata Maddalena, dalla quale erano usciti sette demòni; Giovanna, moglie di Cuza, amministratore di Erode; Susanna e molte altre, che li servivano con i loro beni
(Lc 7,36-50).

16.6.2013: Qualche giorno fa riflettevo con amici sul problema dell’accoglienza, interna alla Chiesa cattolica, che si sta riservando al nuovo papa: Francesco papa Francesco incontra molti, moltissimi consensi specie fuori, mentre all’interno, non tutti approvano la sua linea. Penso che non piacciano sia il suo stile che i suoi contenuti. In fondo, ciò, credo sia un bene: un papa che piace a tutti, significa che non piace a nessuno e se ciò accade vuol dire che è insignificante. Ma Francesco è ben altro - grazie a Dio!

Il testo evangelico di oggi, a mio avviso, ci aiuta a comprendere e riflettere su alcune caratteristiche di questo rifiuto. Mi spiego. Il Vangelo è all’impronta della grande misericordia di Gesù: una donna peccatrice, un amore, fatto anche di lacrime, baci e carezze per il Cristo, un invito a riflettere sul senso del suo gesto (attraverso la parabola dei debitori), l’atteggiamento di chi è chiuso a ogni forma di misericordia. Il tema della misericordia ritorna spesso nelle parole e nei gesti di Francesco. Forse ne è il nucleo fondamentale. Ma allora perché il papa non piace ad alcuni all'interno? Non è la misericordia il cuore dell’annuncio di Cristo? Può non piacere a chi crede in Cristo? Strano, ma è possibile. Sono tanti i motivi per cui il nostro cuore può diventare insensibile alla forza di questo annuncio. Ne sottolineo due: uno antropologico e uno ecclesiale.

Dal punto di vista antropologico vuoti educativi, contenuti discutibili e testimonianze deboli determinano persone spesso incapaci di mettersi in gioco per Qualcuno e con tutto se stessi. Così misericordia, amore, amicizia sono… belle parole, di circostanza, spesso retoriche che non dicono molto e non muovono affatto. Un anziano personaggio di Gilbert Keith Chesterton, mentre rimprovera un giovane convinto e motivato, gli dice: Eh, già quando si è giovani, si va dietro agli ideali astratti e a castelli in aria, ma arrivati a una certa età le nuvole si dileguano e ci si adatta a credere alla politica pratica, adoperando il meccanismo che si ha sotto mano e pigliando il mondo com'è. Ma questo signore, come tanti, è solo uno che non crede più a niente: né a Dio, né al Signore Gesù, né alla Sua misericordia e né a tutto ciò che di buono e di bello esiste. E’ solo, come dice Chesterton un venerando filantropo che vende frottole. E di questi filantropi ce ne sono tanti in giro, nella Chiesa cattolica come nel mondo.

Dal punto di vista ecclesiale bisogna riconoscere che  ampi settori della Chiesa cattolica - gli stessi che sono perplessi su Francesco? - hanno spesso preferito il rifiuto all’amore. Non appartiene allo spirito e alla lettera del Vangelo chiamare “boia” chi non condivide le nostre posizioni in bioetica, condannare senza appello chi la pensa diversamente, escludere in maniera indiscriminata dai percorsi formativi e sacramentali chi è in stato di difficoltà. La condanna è frutto di gente, come ricorda Maritain, dall’intelletto molle e dal cuore arido; l’amore, la misericordia, invece, appartengono a chi ha l’intelletto duro e il cuore dolce.

La scena evangelica dice che cuore dolce e intelletto duro sono di Gesù, della donna del fariseo ospite; mentre intelletto molle e cuore duro sono degli altri farisei commensali.

Francesco è un uomo dal cuore dolce e dall’intelletto duro. E nel suo cuore e nel suo intelletto c’è tanta misericordia. E attorno a lui? E in noi? E in me?

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Copertina114

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 114
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: L'Europa

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) testi già inviati; in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?)  testi da inviare entro il 30 agosto 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.