Tu sei qui: Home / In Parola / La bontà seria, di Rocco D'Ambrosio

La bontà seria, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 29/07/2019 02:07
Noi siamo cattivi. Lo siamo un po’ per natura, un po’ per in flusso sociale, un po’ per brutte esperienze che abbiamo fatto...

 

Il Vangelo odierno: Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli». Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite:
“Padre,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno;
dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,
e perdona a noi i nostri peccati,
anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore,
e non abbandonarci alla tentazione”».
Poi disse loro: «Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: “Amico, prestami tre pani, perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli”; e se quello dall’interno gli risponde: “Non m’importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto, non posso alzarmi per darti i pani”, vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono.
Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto.
Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!»
(Lc 11, 1-13).

28 luglio 2019. Siamo cattivi! Non lo dice qualcuno di noi. Lo dice Gesù: “Se voi dunque, che siete cattivi…”. Non dimenticherò mai un’omelia del cardinal Ballestrero a un corso di esercizi spirituali per vescovi, presbiteri e laici pugliesi. Iniziò rivolgendosi ai vescovi pugliesi presenti (la maggioranza rispetto a noi altri presenti). Grosso modo furono queste le sue parole: “Noi siamo vescovi e i vescovi sono i successori degli Apostoli. Gesù dice agli Apostoli che sono “cattivi”, quindi dice a ognuno di noi: “dunque tu che sei cattivo…”. E, dopo essere partito da se stesso, ripetendo uno a uno i nomi dei suoi confratelli, vescovi pugliesi, sottolineava con aria solenne: “Dunque tu, Nome, sei cattivo…”. Le parole furono di una forza e saggezza indescrivibile. Anche noi, pur non essendo stato pronunciato il nostro nome, ci sentimmo così coinvolti. Anastasio Alberto Ballestrero ci aveva riportato tutti, vescovi e non, a una cruda realtà: siamo cattivi.

Siamo cattivi. Eppure siamo capaci di qualche cosa di buono. Siamo cattivi ma “sappiamo dare cose buone ai nostri figli”. Siamo cattivi ma, per amicizia o per non essere ulteriormente molestati, diamo a un amico ciò che ci chiede con insistenza. Siamo cattivi, ma non sempre. Qualcuno a fasi alterne: ognuno Sto arrivando! di se stesso e delle sue percentuali di cattiveria. L’esame di coscienza, il discernimento continuo servono a questo: a misura, controllare e cercare di superare, con aiuto di Dio, la cattiveria che è in noi.

Noi siamo cattivi. Lo siamo un po’ per natura, un po’ per in flusso sociale, un po’ per brutte esperienze che abbiamo fatto.  La cattiveria ci prende e ci seduce. Se non la vinciamo, essa vince noi e ci rende sempre più bruti e insensibili, se non proprio violenti e distruttivi. Si potrebbe usare, fra i tanti esempi quello attualissimo dell’atteggiamento verso i migranti e i poveri. Se non stiamo attenti la cattiveria ci conquista, ci rode, ci sopraffà e il peggio di noi viene fuori e si manifesta prima di tutto con i deboli: poveri, migranti e disagiati. Si inizia con poco e si finisce con molto. Direbbe Shakespeare, per bocca del suo Macbeth: “Ciò che nel male nasce nel male cresce”.     

Noi siamo cattivi, Dio no. Dio è buono. E’ una verità semplice e profonda che rischiamo spesso di dimenticare. Dio non è come noi. Non c’è terrorista, pazzo, razzista, omofobo, leghista, xenofobo, Trump o Salvini o Erdogan di turno, guerrafondaio, violento, serial killer che possono cambiare questa rincuorante realtà. Dio non è cattivo. E’ buono. E’ immensamente buono. E’ misericordioso. Dio ascolta, dona, apre la porta, si fa trovare. E’ così e non saranno alcuni pazzi e fondamentalisti a cambiare la sua natura o a farci cambiare idea su di Lui. Dio è buono. E’ immensamente buono.

Noi siamo cattivi e Lui è buono. Per questo dobbiamo pregarlo sempre. Dobbiamo farlo non solo per i nostri piccoli e grandi problemi di vita - salute, lavoro, relazioni - ma dobbiamo farlo soprattutto per non diventare più cattivi di quello che siamo. Dobbiamo pregare perché con le nostre forze non ce la faremo mai a sconfiggere la cattiveria che è in noi. Dobbiamo ripetere sempre: “Non abbandonarci nella tentazione, ma liberaci dal male”. Dobbiamo chiedere, cercare e bussare alla sua porta. Sempre. Senza mai stancarci.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Copertina114

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 114
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: L'Europa

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) testi già inviati; in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?)  testi da inviare entro il 30 agosto 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.