Tu sei qui: Home / In Parola / La barra dritta, di Rocco D'Ambrosio

La barra dritta, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 26/09/2020 12:50
Non nascondo che è molto difficile mantenere una barra dritta… in materia di giustizia! Succedono tante cose: come si fa a essere giusti in questo mondo?

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo: «Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli. Si rivolse al primo e disse: “Figlio, oggi va’ a lavorare nella vigna”. Ed egli rispose: “Non ne ho voglia”. Ma poi si pentì e vi andò. Si rivolse al secondo e disse lo stesso. Ed egli rispose: “Sì, signore”. Ma non vi andò. Chi dei due ha compiuto la volontà del padre?». Risposero: «Il primo». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio. Giovanni infatti venne a voi sulla via della giustizia, e non gli avete creduto; i pubblicani e le prostitute invece gli hanno creduto. Voi, al contrario, avete visto queste cose, ma poi non vi siete nemmeno pentiti così da credergli» (Mt 28, 21-32).

27 settembre 2020. Non nascondo che è molto difficile mantenere una barra dritta… in materia di giustizia! Succedono tante cose: i cuori sono nascosti ai cuori, ci sono leggi ingiuste ma anche leggi discutibili (dal punto di vista etico), c’è il mondo della comunicazione, ci sono sentimenti interiori positivi ma anche negativi (invidie, gelosie, avidità, sete di potere, odio, discriminazioni)… come si fa a essere giusti in questo mondo? Anche Gesù chiede: “Che ve ne pare?”. Che ce ne pare? Che pensiamo noi dei due figli? Come risponderemmo a Gesù?

Gli interlocutori di Gesù, per lo più, sono simili - così sembra suggerire il tono del dialogo - al secondo figlio al secondo figlio che dice e non fa., ma che comunque si sentono privilegiati. Ma i privilegiati, qui come in altri passi evangelici, sembrano essere quelli che sono autentici, ammettono i loro errori e si pentono: Il figlio rispose: “Non ne ho voglia”. Ma poi si pentì e vi andò”. Essi incontrano il Signore e cambiano radicalmente vita, scagliano pietre verso se stessi e non verso gli altri e così via. Tutti questi passano avanti! Avanti a chi recita a soggetto, è ipocrita, fa finta di pentirsi, non cambia vita, crede di vivere di privilegi, sente di avere il Paradiso in tasca e, come il fariseo, guarda gli altri dall'alto in basso. Si potrebbe dire che per loro non c'è misericordia di Dio. Sia chiaro: non perché il Signore non voglia perdonarli ma perché loro non vogliono avvicinarsi al Signore, cambiare vita e ricevere il suo perdono. “Voi, al contrario, - dice Gesù - avete visto queste cose, ma poi non vi siete nemmeno pentiti così da credergli”.

È una reazione istintiva ribellarsi a Dio che privilegia gli ultimi, non considera molto i privilegi di casta o di popolo. E lascia la domanda intatta: perché il Signore privilegia alcuni, quasi istituendo per loro una corsia preferenziale? La risposta istintiva sarebbe: perché questi sono più onesti degli altri!

Saremo, e siamo, nella barca di coloro che ammettono i propri peccati e, con l'aiuto di Dio, si sforzano sempre di cambiare vita, chi più, chi meno. È una barca certamente un po' strana. In essa si perdona tutto, tranne il fatto di non voler essere perdonati: “A chi parlerà contro il Figlio dell'uomo, sarà perdonato; ma a chi parlerà contro lo Spirito Santo, non sarà perdonato, né in questo mondo né in quello futuro”, dice Gesù (Mt 12, 32). Ma è così. 

Scriveva Romano Guardini: «L’uomo è il responsabile del corso della storia e di ciò che diviene l’esistenza del mondo e dell’uomo stesso. Egli può agire bene o può errare, e per far bene deve essere nuovamente pronto a quella condotta che già Platone aveva riconosciuto come il compendio del dovere umano: la “giustizia”, ovvero la volontà di riconoscere l’essenza delle cose e di fare ciò che è giusto di fronte ad essa».

Rocco D’Ambrosio

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.