Tu sei qui: Home / In Parola / L’albero della Raggi e la buona amministrazione, di Francesca Borghi

L’albero della Raggi e la buona amministrazione, di Francesca Borghi

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 16/12/2017 11:26
Un caso, come quello dell'albero 2017 di Roma, può essere occasione per spiegare come si tradisce la buona amministrazione, quella etica ed efficiente; al di là di pregiudizi e superficialità, di ogni parte politica...

 

 

Stare dentro il proprio tempo è una condizione imprescindibile anche per la Pubblica Amministrazione. E al tempo del Natale, in epoca di cambiamento, il messaggio di chi amministra la cosa pubblica dovrebbe essere ancora più responsabile. Questo messaggio tarda ad arrivare nuovamente a Roma. Gli esperti in comunicazione lo definirebbero un “epic fail” quello di Spelacchio, l’albero natalizio installato a piazza Venezia che dovrebbe essere il simbolo del nuovo che avanza. Relativamente all'albero esiste una determina ad assegnazione diretta di ben 48.000,00 e rotti euro per il suo trasporto dalla Val di Fiemme alla Capitale. Nessun bando, niente gara d’appalto. La giustificazione spiccia è stata quella di affermare che non c'era abbastanza tempo per emanarne uno. Peccato che il Natale sia una tra le poche certezza che abbiamo, anche cristianamente parlando. Sarebbe stato molto più intelligente e da persone illuminate ricercare uno sponsor come ha fatto l’Amministrazione comunale a Milano, organizzandosi ben un anno prima.

Ecco le Fonti ufficiali: la prima determinazione dirigenziale del 13/11/2017 numero repertorio QL/943/2017 numero protocollo QL/69172/2017 e la seconda determinazione dirigenziale del 16/12/2017 numero repertorio QL/949/2017 numero protocollo QL/70152/2017. Sono entrambe reperibili per esteso nel sito istituzionale del Comune di Roma.

L'oggetto del contendere sul quale dovremmo focalizzare l’attenzione non è il povero albero in sé ma la sua metafora ovvero l'attuale modello di gestione politica e amministrativa che deve, sicuramente, tenere conto delle norme dispositive e dei regolamenti, delle leggi superiori soprattutto e delle procedure ma anche di tutti gli altri aspetti tipici della di una buona amministrazione. La Pubblica Amministrazione dovrebbe proteggere ogni singolo cittadino, essere efficiente ed efficace, adottare il suo potere discrezionale tenendo in debita considerazione le implicazioni etiche, sociali e civili. Se così non fosse il rischio sarebbe quello di nascondersi dietro alle norme per giustificare un modello dottrinale di politica tipico della dittatura della fattispecie più bassa e limitata.

Tornando al nostro albero, che già sta morendo per l’incuria nel suo trattamento, tanto da meritarsi il nomignolo di Spelacchio, l’importo che si evidenzia chiaramente nella determina di assegnazione a trattativa diretta del 16/12/2017 è di 39.899,24 + iva + oneri che arriva così a comporre la somma totale di 48.677,08 euro è triplicato rispetto al 2016 ma non è migliorato. Eppure dovrebbe rappresentare la Capitale d’Italia, dovrebbe esserne l’immagine agli occhi del mondo, uno strumento pubblicitario ma soprattutto dovrebbe avere un senso etico. Eppure sembra che il tempo per l’Amministrazione capitolina sia stato tiranno. Lo sanno tutti e soprattutto i dirigenti dei dipartimenti che i bandi hanno dei tempi che devono essere rispettati. Ciò non fa altro che avvalorare la tesi di un'organizzazione di governo della città che non vigila in primis sulle attività interne della Pubblica Amministrazione e in secondo luogo non pone attenzione ai temi di responsabilità sociale. Sul punto si potrebbero fare anche diversi esempi - che ho avuto modo di verificare recentemente - e che riguardano diverse tipologie di autorizzazioni e procedimenti amministrativi che non vengono monitorati. Si pone oltremodo una riflessione interessante se guardiamo a fondo l'episodio del nostro albero perchè in questo caso l'assegnazione diretta è stata concessa alla stessa ditta dei precedenti anni, con la sola differenza che nel 2014 e nel 2015 la medesima ha partecipato regolarmente a bandi di gara. Chi ne risente in tutto ciò? Sicuramente le piccole e medie imprese locali. Quantomeno dovrebbe essere assicurato un cambio nelle assegnazioni per generare un valore nella politica economica della città. Un’Amministrazione che dimostra di non avere la benchè minima cura di porre l'attenzione su questo tipo di argomentazione e che ha riservato agli stessi solo provvedimenti restrittivi e onerosi rivolgendosi sempre all’esterno e mai al suo interno va a confliggere con il suo stesso buon andamento e con gli intenti dichiarati dai loro esponenti in Parlamento. Le stesse aberrazioni arrivano non di meno anche dagli Amministratori di alcuni dei singoli municipi romani ed esponenti della minoranza, come dimostrano i raid nel centro storico e la lotta selvaggia e indiscriminata al tavolino che sembra essere diventata la soluzione ai mali del mondo. In questo modo Roma si rende ingovernabile.

La politica è una cosa. La traduzione della politica in atti di amministrazione del governo di una città è ben altro. Se si fa confusione si rischia di incorre in un sistema sussidiario completamente diverso. Occorre essere oggettivi così come ha fatto pochi giorni fa Carlo Sgandurra, Presidente dell’Authority per la qualità dei Servizi, che nonostante la medesima appartenenza politica della maggioranza ha sanzionato e anche pesantemente gli atti della Giunta Raggi su ATAC e AMA mantenendo quella necessaria lucidità in grado di garantire realmente quanto professa il M5S.

D’altra parte la democraticità resta l’unica base per un’organizzazione coerente ed efficace.

 

[Sociologa, imprenditrice e cittadina romana]

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.