Tu sei qui: Home / In Parola / In umiltà e pace, di Rocco D'Ambrosio

In umiltà e pace, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 19/03/2016 17:16
Quello dell’ingresso di Gesù a Gerusalemme è un particolare che, spesso, si perde nel grande racconto degli eventi della settimana di passione, morte e resurrezione di Gesù. Eppure è un particolare importante...

 

Il Vangelo della Commemorazione dell'ingresso di Gesù in Gerusalemme: In quel tempo, Gesù camminava davanti a tutti salendo verso Gerusalemme. Quando fu vicino a Bètfage e a Betània, presso il monte detto degli Ulivi, inviò due discepoli dicendo: «Andate nel villaggio di fronte; entrando, troverete un puledro legato, sul quale non è mai salito nessuno. Slegatelo e conducetelo qui. E se qualcuno vi domanda: “Perché lo slegate?”, risponderete così: “Il Signore ne ha bisogno”».
Gli inviati andarono e trovarono come aveva loro detto. Mentre slegavano il puledro, i proprietari dissero loro: «Perché slegate il puledro?». Essi risposero: «Il Signore ne ha bisogno».
Lo condussero allora da Gesù; e gettati i loro mantelli sul puledro, vi fecero salire Gesù. Mentre egli avanzava, stendevano i loro mantelli sulla strada. Era ormai vicino alla discesa del monte degli Ulivi, quando tutta la folla dei discepoli, pieni di gioia, cominciò a lodare Dio a gran voce per tutti i prodigi che avevano veduto, dicendo:
«Benedetto colui che viene,
il re, nel nome del Signore.
Pace in cielo
e gloria nel più alto dei cieli!».
Alcuni farisei tra la folla gli dissero: «Maestro, rimprovera i tuoi discepoli». Ma egli rispose: «Io vi dico che, se questi taceranno, grideranno le pietre»
(Lc 19,28-40; il Vangelo della Messa, detto “Passio”,  è Lc 22,14 - 23,56).

20 marzo 2016. Quello dell’ingresso di Gesù a Gerusalemme è un particolare che, spesso, si perde nel grande racconto degli eventi della settimana di passione, morte e resurrezione di Gesù. Eppure è un particolare importante, ricco di significati profondi; molti di questi essenziali per comprendere il valore del sacrificio di Gesù.

L’intero evento fa pensare a qualcosa di preparato nei minimi particolari, con una … grande regia: il puledro ritirato dai discepoli, i mantelli stesi per terra, la gioia e le acclamazioni della gente, i farisei zittiti da Gesù. Tutto è preparato e finalizzato, tanto che, se ce ne fosse bisogno, “griderebbero le pietre”.

Gesù entra e cavalca un puledro. Immediatamente la scelta ci fa pensare a un atteggiamento umile, anche se, nella tradizione ebraica, la cavalcatura ha anche un riferimento al re che inaugura tempi di pace; un re che è “giusto, vittorioso, umile e cavalca un asino, un puledro figlio d’asina” (Zc 9, 9). Del resto la gente lo acclama dicendo: “Benedetto colui che viene, il re, nel nome del Signore. Pace in cielo e gloria nel più alto dei cieli!”. Ma questi sarebbero particolari importanti, ma non essenziali, se il tutto non si riferisse all’ingresso finale in Gerusalemme.

Gesù va verso la sua passione, morte e resurrezione in umiltà e pace. Non è e non sarà mai facile da capire. A noi risulterebbe difficile, ma molto difficile, camminare verso la condanna in umiltà e pace, per tanti motivi. Per spiegarmelo, non riesco a pensare ad altro, se non al suo profondo abbandono nelle mani del Padre. Del resto, la regia è proprio del Padre, che accompagna e sostiene Suo Figlio fino al dono supremo.

Molto spesso i torti subiti nella nostra vita non ci ispirano umiltà, ne tanto meno ci fanno rimanere in pace. I torti, pur molto più piccoli di quelli di Gesù (perché lui senza colpa, noi invece con tanti peccati), ci producono astio, vendetta, odio, ribellione e quant’altro. E’ cosi, non sempre, ma molto spesso. Allora questo ingresso di Gesù è un’icona da contemplare continuamente per imparare ad abbandonarsi a Lui, nonostante i torti e le varie contrarietà. Cavalcare un asino ci rende umili e ci da pace. Se lo faremo, Dio non ci deluderà. E ci farà risorgere!

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.