Tu sei qui: Home / In Parola / Imparare e ricordare, di Rocco D'Ambrosio

Imparare e ricordare, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 08/06/2019 16:16
L'insegnare/imparare e il ricordare oggi incontrano molti problemi. Lo Spirito di Dio ci vien in aiuto...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre. Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato. Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto» (Gv 14, 15-26).

9 giugno 2019. Ci sono cose che vorremo dimenticare, ma purtroppo ci ritornano spesso in mente. Ci sono cose che vorremo ricordare sempre, ma che avvolte si perdono nelle nebbie della memoria. E cosi via: ricordi, memorie, immagini e sensazioni vanno e vengono dalla nostra testa, spesso perdendo il bandolo della matassa. Cause? Certamente la nostra fragilità psico-fisica, ma non solo. Spesso si ha un rapporto schizofrenico con la memoria: si ha poca memoria, poco gusto per la storia… eppure si conservano odi e rancori in eterno!

Gesù chiama lo Spirito "il Paraclito" e precisa che due delle sue funzioni sono "insegnare e ricordare". Non sono in grado di fare paralleli storici, ma credo di poter dire che oggi queste funzioni sono... spesso appaltate ad altri; in azienda si direbbe che sono "servizi esternalizzati". Non voglio affatto cadere nella retorica dei tempi moderni peggiori degli antichi, vorrei solo capire perché insegnare/imparare e ricordare oggi incontrano molti problemi. 

L'insegnare non gode di molto successo: non solo scuola e università sono spesso in crisi, ma anche i discenti, piccoli e grandi, disponibili a imparare sono sempre meno. I maestri come Milani, che spiegano le parole e aiutano gli studenti nell'imparare, sono merce rara. Cellulare, TV e computer da essere utili strumenti per apprendere si trasformano in uniche fonti di un sapere frettoloso e superficiale. Scriveva Serafino Germinario, un secolo fa: “Un altro impedimento a qualsiasi propaganda è l'ignoranza. Noi cristiani dobbiamo inculcare alle masse che la gioventù venga istruita, servirà ad eliminare il pregiudizio fomite di sgretolamento sociale. La cultura è terreno fertile per la rinascita della verità, è ostacolo allo sprigionarsi delle accese fantasie specie meridionali, degli eccitamenti, autosuggestioni e fanatismi, i quali più che nobilitare il senso Religioso, lo disonorano, l'avviliscono e sono armi nelle mani dei nostri avversari”. Quanto attuale questa pagina! Ieri come oggi la mancanza di cultura genera “pregiudizi, sgretolamento sociale, falsità, eccitamenti, autosuggestioni e fanatismi”. Con questo quadro lo Spirito di Dio deve faticare a trovare buoni discepoli. Meno male che ha più forze di un umano docente!

E il ricordare? È tutto nella memoria di cellulari e computer: foto, note, appunti, impegni, documenti, contatti e così via. È così? Non proprio: ci illudiamo che sia così. I ricordi migliori rifuggono dai supporti tecnologici e sono nella mente e nel cuore, dove solo il buon Dio e noi stessi li possiamo raggiungere. Eppure noi spesso li perdiamo, quasi non riusciamo ad afferrarli. Forse per questo Gesù dice che "il Paraclito ci ricorderà tutto ciò che ci ha detto". In un certo senso dovremmo lasciare allo Spirito di Dio la gestione della nostra memoria, noi non ne siamo molto capaci e spesso combiniamo disastri.

È saggio imparare e ricordare ciò che fa veramente bene, a noi stessi e agli altri: il resto è una perdita di tempo, se non proprio "spazzatura" (Fil 3, 8). È  salutare riconoscere che non riusciamo a gestire sempre bene ricordi, memorie, immagini e sensazioni. È liberante affidare al Signore i fili confusi di ciò che abbiamo imparato e di ciò che ricordiamo perché ci indichi il bandolo della matassa. E chi meglio del buon Dio ha il "software" adatto a ciò? 

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.