Tu sei qui: Home / In Parola / Il Vangelo è una cosa seria, di Rocco D'Ambrosio

Il Vangelo è una cosa seria, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 27/01/2019 10:28
Il Vangelo è una cosa seria: non ha niente a che fare con chi odia i poveri e gli immigrati...

 

Il Vangelo odierno: Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, così anch’io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza, fin dagli inizi, e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teòfilo, in modo che tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.
In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode.
Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:
«Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione
e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi
e proclamare l’anno di grazia del Signore».
Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato»
(Lc 1, 1-21).

27 gennaio 2019.  La fede è una cosa seria. Luca, scrivendo, a Teofilo parla di avvenimenti, provati da testimonianze, al fine di rendersi “conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto”. L’avvenimento è Gesù e bisogna, ieri come oggi, investigare con la mente e con il cuore per comprenderlo e amarlo sempre più. Tutt’altro che due preghiere in fretta e furia, una messa domenicale distratta, un fede ideologica in qualche principio astratto…

In questa esigente cornice Gesù legge a Cafarnao il libro sacro degli ebrei ed, esattamente, ne proclama alcuni passi del profeta Isaia. Anche questi di portata rivoluzionaria: lo Spirito del Signore non è lettera morta. Lo spirito scende sul profeta, quindi ancor più compiendosi in Gesù, per qualcosa… di molto concreto!

Infatti il passo di Isaia non parla di culto o verità astratte. Parla, invece, dello Spirito del Signore che annuncia gioia ai poveri, liberazione ai prigionieri, vista ai ciechi, libertà agli oppressi, grazia a tanti. E’ un annuncio liberatorio. E’ un annuncio che interseca la vita concreta di tutti, specie degli ultimi e la trasforma. Papa Francesco sta facendo tanto per far diventare questo prassi sempre più quotidiana dei cristiani e delle comunità. Qualcuno si sorprende di ciò: addirittura la considera una novità. Ma è solo il Vangelo! E il papa lo ripropone come il Vaticano II lo ha indicato, per riformare la Chiesa e inviarla nuovamente nel mondo.

Tuttavia questo invito spesso cade nel vuoto perché la nostra prospettiva di Chiesa è fatta di solo culto, di affermazioni di principi (vedi famiglia e bioetica), di privilegi statali e di preminenza culturale e legislativa. Per capire l’annuncio di liberazione del Vangelo bisogna cambiare prospettiva, bisogna adottarne una dal basso.

L’altro giorno don Pietro Sigurani*, responsabile di una chiesa vicino al Senato a Roma, è stato minacciato, da cattolici, perché aiuta i poveri e i migranti. Don Pietro non è purtroppo l’unico in Italia. È questo un dato diffuso. Preoccupa anche il silenzio assordante di diversi vescovi, preti e fedeli laici che non sono toccati dalla sfida che poveri e migranti pongono alla nostra Chiesa. Gesù proclama è venuto a “portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi
e proclamare l’anno di grazia del Signore”.

Noi quando ascoltiamo queste parole a cosa pensiamo?

Rocco D’Ambrosio

* un resoconto è su https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/biglietto-di-minacce-al-prete-che-aiuta-poveri?fbclid=IwAR06qRWEtYqhTKHu9UCfQMD195ZSjwc9vl-kdMRepCOxrCbKL3X5R0cB-Sw

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 113
(2018 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Fake news

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

Il 115 è sull'AMBIENTE (affrontiamo il tema considerando la direttrice Lavoro - Sviluppo - Ambiente; cioè il problema ambientale visto in rapporto al lavoro e allo sviluppo del territorio)  testi da inviare entro il 28 febbraio 2019.


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) testi da inviare entro il 30 aprile 2019.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?)  testi da inviare entro il 30 agosto 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.