Tu sei qui: Home / In Parola / Il seme, la pioggia e la lode, di Rocco D'Ambrosio

Il seme, la pioggia e la lode, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 11/07/2020 11:23
Quanti semi di bontà Dio ha seminato nella storia? E nella mia personale storia? Tantissimi, e sempre, e comunque...

 

Il Vangelo odierno: Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia.

Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un’altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c’era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un’altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. Un’altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Chi ha orecchi, ascolti».

Gli si avvicinarono allora i discepoli e gli dissero: «Perché a loro parli con parabole?». Egli rispose loro: «Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato. Infatti a colui che ha, verrà dato e sarà nell’abbondanza; ma a colui che non ha, sarà tolto anche quello che ha. Per questo a loro parlo con parabole: perché guardando non vedono, udendo non ascoltano e non comprendono. 

Così si compie per loro la profezia di Isaìa che dice: “Udrete, sì, ma non comprenderete, guarderete, sì, ma non vedrete. Perché il cuore di questo popolo è diventato insensibile, sono diventati duri di orecchi e hanno chiuso gli occhi, perché non vedano con gli occhi, non ascoltino con gli orecchi e non comprendano con il cuore e non si convertano e io li guarisca!”.

Beati invece i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano. In verità io vi dico: molti profeti e molti giusti hanno desiderato vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono!

Voi dunque ascoltate la parabola del seminatore. Ogni volta che uno ascolta la parola del Regno e non la comprende, viene il Maligno e ruba ciò che è stato seminato nel suo cuore: questo è il seme seminato lungo la strada. Quello che è stato seminato sul terreno sassoso è colui che ascolta la Parola e l’accoglie subito con gioia, ma non ha in sé radici ed è incostante, sicché, appena giunge una tribolazione o una persecuzione a causa della Parola, egli subito viene meno. Quello seminato tra i rovi è colui che ascolta la Parola, ma la preoccupazione del mondo e la seduzione della ricchezza soffocano la Parola ed essa non dà frutto. Quello seminato sul terreno buono è colui che ascolta la Parola e la comprende; questi dà frutto e produce il cento, il sessanta, il trenta per uno» (Mt 13, 1-23).

12 luglio 2020. Forse c’è una costante nella storia delle religioni - non sono un esperto per affermarlo con certezza - ed è quella che Dio va cercato e trovarlo non mai garantito al cento per cento. Anzi: coloro che garantiscono di poter indicare Dio e farlo incontrare sicuramente, molte vole, sono sono dei cialtroni, dei falsi profeti, direbbe la Scrittura. Eppure se non è facile trovarlo, ciò non significa che non è all’opera. Tutt’altro. Il vangelo di oggi ci ricorda che è un seminatore, sempre all’opera, su tutti i terreni e tutte le latitudini.

Quanti semi di bontà Dio ha seminato nella storia? In ogni tempo e in ogni luogo non ha mai mancato, e non manca, di spargere la parola del Regno. Questo è un punto fermo della nostra fede: se non crediamo in quest’opera costante e universale del buon Dio, finiamo per bestemmiare e dare a Lui delle colpe che non ha. Quanti semi di bontà Dio ha seminato nella storia? E nella mia personale storia? Tantissimi, e sempre, e comunque. 

Il Seminatore viene a farci visita molto spesso. Non si tratta di pensare moralisticamente che tipo di terreno siamo. Si tratta di contemplare prima di tutto la forza di questo seme che è la sua Parola. Contemplare non è facile, perché appena ascoltiamo la parabola - io per primo - cerco di capire che terreno sto diventando, se miglioro o peggioro e cosi via. Ma quella di Dio, del seme sparso ovunque è un opera… all’opera sempre. Io sono solo un granello di sabbia, se pure. Devo prima di tutto contemplare la sua opera.  Contemplare vuol dire ammirare e gustare un'opera che prescinde dalla mia partecipazione.

Come dice Isaia: «Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la terra,senza averla fecondata e fatta germogliare, perché dia il seme a chi semina e il pane a chi mangia, così sarà della mia parola uscita dalla mia bocca: non ritornerà a me senza effetto, senza aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l’ho mandata» (Is 55, 10-11).

Contemplare vuol dire osservare la pioggia e la neve e... immergersi dentro, ovvero nella loro delicata potenza e nella loro efficacia azione. Mi viene in mente la scena di Francesco che cammina per Assisi sotto la pioggia e loda Iddio, sempre e comunque. Forse una versione mistica di Singing in the rain!

Per partecipare a questo opera non servono sforzi moralistici, dobbiamo solo chiedere tanta grazia di Dio per non essere irretiti da ciò che Gesù chiama: “ruberie, assenza di radici, incostanza, tribolazioni, persecuzioni, incostanza, preoccupazioni del mondo,  seduzioni della ricchezza”.

Nonostante tutto questo la Parola continua a espandere la sua forza, la pioggia e la neve continuano a irrorare la terra. Dio non ci chiede il permesso per continuare la sua opera. Ci chiede solo di visitare il terreno della nostra vita e di portare anche li dei frutti. Ma per farlo dobbiamo ammirare la sua opera, non lamentarci che piove, ma aver un po’ di coraggio e correre sotto l’acqua, come Francesco. Singing in the rain and praising the Lord! - Cantare sotto la pioggia e benedire il suo nome!

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO è stato già spedito.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 luglio 2020.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 agosto 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 30 settembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.