Tu sei qui: Home / In Parola / Il Natale tra pandemia e stanchezza, di Rocco D'Ambrosio

Il Natale tra pandemia e stanchezza, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 25/12/2021 07:48
Al Natale molti cercano di dare un senso perché sanno che è difficile reggere feste vuote, senza significati, divorate da abitudini logore. Certo: non siamo nelle ristrettezze dell’anno scorso, ma ciò non basta per fare un Natale migliore, cristiano o laico che sia...

Il Vangelo odierno: In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. 

Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. 

Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.

C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». 

E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva:

«Gloria a Dio nel più alto dei cieli

e sulla terra pace agli uomini, che egli ama» (Lc 2, 1-14).

     

25 dicembre 2021. La pandemia stanca. Un po’ come nel “Lavorare stanca” di Cesare Pavese: dalla solitudine necessaria dell’anno scorso a una ripresa di relazioni in questi giorni, tra timori e tremori per una pandemia che tarda a finire. E stanca. Porta stanchezza alla nostra interiorità, alle relazioni, al lavoro e anche alla fede, o a quanto di più intimo ci può essere. E molti, credenti e non, vorrebbero non solo una festa di relax e di pace, ma anche (ri)trovare un significato, un senso. Al Natale molti cercano di dare un senso perché sanno che è difficile reggere feste vuote, senza significati, divorate da abitudini logore. Certo: non siamo nelle ristrettezze dell’anno scorso, ma ciò non basta per fare un Natale migliore, cristiano o laico che sia. Ci vuole di più: ci vogliono significati forti e solidi, altrimenti la pandemia stanca molto, quasi ci collassa. Forse questi giorni di festa, con un po’ di silenzio e di calma, potrebbero aiutare un po’ a ritrovare significati.  

 

C’è stanchezza anche a Betlemme, nella grotta dove avvenne il Natale, primo e unico. Le fatiche quotidiane, personali, nelle nostre storie di affetti e di lavoro, di amicizie e di solitudine, di serenità e di dolore, nel presepe, vorremmo nasconderle o condividerle con pochissimi, perché solo chi le vive sa quello che costano, solo chi le soffre ne conosce i dolori, solo chi le gode ne conosce la gioia. Sono le stanchezze a dire quale è la misura giusta della festa, per far brillare il presepe di luce sana e serena. Sono le stanchezze che difendiamo con passione e che vorremmo custodite e rinvigorite dal presepe. Depositarle in esso e raccoglierne frutti ogni giorno assicura la continuità della festa nel quotidiano, la sottrae alla retorica o alla malinconia, rendendo il Natale semplice quanto sobrio. Ciò che basta. 

 

Mi hanno sempre colpito questi versetti del racconto evangelico: “Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio” (Lc 2,6-7). Hanno in sé un ordine e un monito. La stanchezza – non comune, quasi insopportabile: cercare un alloggio perché avvenga un parto – è detta per ultimo. E’ quasi una nota a margine: “lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio”. Non è cosi per noi: la stanchezza la diciamo quasi sempre per prima, non solo perché ci pesa, ma perché colpisce di più. Non a caso, mediaticamente, un reportage da quella Betlemme inizierebbe certamente con il riferimento all’albergo senza posti e al rifugio in una stalla. Per l’evangelista è un’altra storia, o meglio c’è un altro ordine. Il fine emerge sovrano: “si compirono i giorni del parto”. Maria diede alla luce suo figlio, il Figlio, quello per cui Cielo e Terra si sono mossi perché si incarnasse. Questo è il primo punto, è l’essenziale, è quello che dà senso, alle relazioni come alla fatica, di ogni tipo.

 

L’ha detto bene Emmanuel Mounier: “L’avvenimento sarà il tuo maestro interiore”. E’ forse, oltre la sfida sanitaria ed economica, la seconda prova di questo lungo periodo pandemico: porsi in ascolto della “lezione” che questa storia ci sta dando; andare a scuola degli eventi e non delle cretinate sui social; ascoltare la propria interiorità e meno il bla-bla-bla circostante. E in ciò c’è un punto di incontro tra il Natale dei cristiani e quello di donne e uomini di altre culture e religioni. 

 

E forse la “lezione” sulla pandemia non è un trattato filosofico, o scientifico, o teologico. E’ qualcosa di più lieve, quasi impercettibile, che solca il cuore e la mente solo sfiorandoli. E’ “Senza più peso”, direbbe Giuseppe Ungaretti.

SENZA PIU’ PESO

Per un Iddio che rida come un bimbo,

Tanti gridi di passeri,

Tante danze nei rami, 

Un’anima si fa senza più peso,

I prati hanno una tale tenerezza,

Tale pudore negli occhi rivive,

Le mani come foglie

S’incantano nell’aria… 

Chi teme più, chi giudica?

 Giuseppe Ungaretti

----

ROCCO D'AMBROSIO

fonte: https://formiche.net/2021/12/natale-pandemia-dambrosio/ 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.