Tu sei qui: Home / In Parola / Il mio o il Suo Natale?, di Rocco D'Ambrosio

Il mio o il Suo Natale?, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 16:15
Ho sempre pensato che una delle più forti forze interiori (e anche esteriori) sia tra il Natale che vorremmo e quello che il buon Dio realmente ci manda. Questa mia (nostra) altalena interiore mi ha sempre spinto a scrutare...

 

Il Vangelo odierno: In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta.

Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio. C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia».

E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva:

«Gloria a Dio nel più alto dei cieli

e sulla terra pace agli uomini, che egli ama». (Lc 2, 1-14).

 

25 dicembre 2012. Ho sempre pensato che una delle più forti forze interiori (e anche esteriori) sia l'altalenarsi tra il Natale che vorremmo e quello che il buon Dio realmente ci manda. Questa mia (nostra) altalena interiore mi ha sempre spinto a scrutare, ammesso che fosse possibile, i pensieri della Madre: forse avrebbe voluto che i giorni del suo primo parto si compissero in luoghi più caldi, per affetto e comodità, completamente diversi da quelli che avvennero. Scrutare questo tipo di pensieri non è poi così difficile, specie quando si è coinvolti in un evento, come il parto, con tutto se stessi. Noi non siamo Maria, ma forse abbiamo un carico di attese abbastanza simile: a Natale ci lasciamo andare in sogni, progetti, speranze, auguri e vorremmo, spesso come dei bambini, che il Natale sia come lo abbiamo immaginato o disegnato nella nostra mente. Ma non sempre, anzi quasi mai, quel Natale si avvera. La pagina evangelica, per introdurre il Natale di Gesù, offre delle coordinate storiche e istituzionali di grande portata. L’evangelista vuole spiegare il peregrinare di Maria e Giuseppe, nonostante la nascita imminente. A noi, quelle coordinate, servono per altro: sostituiamole con notizie che ci riportano all’oggi e alla sua concretezza:crisi economica, guerre, la nostra vita con relazioni, lavoro, progetti, affetti, gioie e difficoltà varie. Il Natale che Dio prepara per noi passa attraverso un’accettazione della storia che sto vivendo, in cui sono profondamente immerso. Se voglio scappare da questa storia non potrò mai fare Natale. Ciò non significa che la mia, la nostra storia, i nostri tempi siano lineari e liberi da ambiguità o negatività. E’ la nostra storia, nel bene e nel male. Come lo era quella di Maria e Giuseppe, dalla piccola Nazareth agli scenari dell’impero romano. Ma il Natale che Dio ci prepara passa di lì, non salta nessun aspetto delle nostre storie e tempi. E’ incarnazione profonda e sincera nel più profondo del tessuto umano, fatto di storie concrete, la mia, la tua, le nostre storie e dei tempi in cui viviamo. Il Natale che Dio ci prepara non si può raccontare sempre, anzi quasi mai. Il Natale che Dio ci prepara ha molto della semplicità di Maria nell’accettare la diversità tra il Natale dei suoi sogni o progetti e la povertà della mangiatoia. Ha molto anche dei silenzi di Giuseppe. Ha molto anche della veglia dei pastori e dell’invito fuori del comune di visitare un Salvatore a due passi da loro e posto in una stalla. Il Natale che Dio ci prepara ci deve sorprendere. Se non ci sorprende, oso dire che non è Natale. Il Natale che Dio ci prepara è un suo dono. Non il mio dono a Lui, ma il Suo a me. Non è scritto da nessuna parte che devo capirlo e gustarlo subito. Non è scritto da nessuna parte che facilmente entrerò negli arcani di questo dono. E’ scritto, però, che mi vuole bene, nonostante il diverso Natale che vorrei. E’ scritto che solo la sua tenerezza fa Natale.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE - su come stiamo vivendo il periodo di crisi sanitaria - è stato già inviato.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? - Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? - è in preparazione.

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 gennaio 2021.

 listing Il n. 124 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 30 aprile 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.