Tu sei qui: Home / In Parola / Il fine della ricerca, di Rocco D'Ambrosio

Il fine della ricerca, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 05/01/2016 18:11
Non sarà mai risolto il confronto, e spesso conflitto, tra fede e ragione. Ho sempre pensato che la festa di oggi offra degli spunti di riflessione imprescindibili per chi vuole credere e, al tempo stesso, non rinunciare all’esercizio della sua ragione...

 

Il Vangelo odierno: Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». All’udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: “E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele”».
Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io venga ad adorarlo».
Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada fecero ritorno al loro paese
(Mt 2, 1-12).

6 gennaio 2016. Non sarà mai risolto il confronto, e spesso conflitto, tra fede e ragione. Ho sempre pensato che la festa di oggi offra degli spunti di riflessione imprescindibili per chi vuole credere e, al tempo stesso, non rinunciare all’esercizio della sua ragione. Si pensi al modo di procedere di questi saggi orientali, detti magi. Cercano il Cristo attraverso l’uso della ragione, ovvero lo scrutare le stelle. Ricevono conferma da coloro che detenevano il potere religioso, scribi e sacerdoti. Ma non solo.

Il brano del Vangelo non ci racconta quello che hanno provato: dubbi, stanchezza, delusioni, speranze, soddisfazioni, rifiuti, condivisioni, ammirazione, invidia e via discorrendo. Ma sono convinto che un po’ di tutto questo sarà capitato anche a loro; come a tutti coloro che ricercano, mettendosi in gioco, senza riserve. Forse ogni volta sono ritornati alla loro ragione riprendendo a seguire la stella, fino a quando essa li ha condotti dal bambino Gesù e davanti a lui hanno provato gioia grandissima, si sono prestati e lo hanno adorato. Che bello!

Ognuno può cercare il Signore come crede – le vie del Signore sono infinite – ma, in fondo, è importante arrivare a gioire della sua presenza, ad adorarlo sinceramente e profondamente ovunque egli voglia manifestarsi: in un Bambino, in una grotta, in povertà e precarietà. Purché si provi gioia e lo si adori. Penso che questo non valga solo per la ricerca del Signore, ma anche per la ricerca delle piccole o grandi gioie della nostra vita. Ragione e fede, razionalità e sentimento lottano continuamente. E’ importante la lotta? Risolverla? Forse è importante solo “concludere” la propria ricerca. E’ importante arrivare alla meta e gioire e gustare il bene, comunque e dovunque, esso si manifesti.

Non sono le vie che interessano, quanto non essere come Erode: chiuso in se stesso, timoroso di perdere il proprio potere. Erode è egoista e invidioso: non entra alla festa. Non ha capito dove abita il bene e la gioia. Non ha scrutato e ricercato. Peggio per lui. I magi sono altrove. Tornano a casa per altre strade: in partenza e alla fine le loro vie non coincidono con quelle di Erode. Il confronto-conflitto fede-ragione e/o sentimento-razionalità si può anche non risolvere o risolvere male. Ma chi scruta con insistenza, chi attende umilmente, scopre dove abita la gioia, e li, corre per offrire i suoi doni.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO è stato già spedito.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 luglio 2020.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 agosto 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i sociale? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 30 settembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.