Tu sei qui: Home / In Parola / Ho messo la mascherina a Gesù Bambino, di Rocco D'Ambrosio

Ho messo la mascherina a Gesù Bambino, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 26/12/2020 16:09
Con le parole del nostro direttore Rocco D'Ambrosio un augurio di Buon Natale a tutti i nostri soci, corsisti, amici e lettori...

Il Vangelo odierno: In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città.
Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta.
Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.
C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia».
E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva:
«Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e sulla terra pace agli uomini, che egli ama»
(Lc 2, 1-14).

Ho messo la mascherina a Gesù Bambino. Non per irriverenza ma per appartenenza. In questo difficile Natale, che stiamo vivendo, il rischio è allontanare significati, relazioni, gioie a causa della pandemia. Sono i “significati” che fanno una festa, soprattutto ora, cioè nelle limitazioni necessarie e pesanti con cui viviamo questo Natale. Eppure, per alcuni, le limitazioni sono diventate sinonimi di “estraniazione” dalla festa. Per quanto la pandemia sia un evento terribile, credo che sia in atto una sfida di significato ben più profonda: dare senso a questo Natale. Non è materia da aule parlamentari o regionali, ma è questione d’interiorità.

 

Partiamo, per chi crede, dal Bambin Gesù. Perché dovrebbe “indossare” la mascherina? Perché la Parola, il Verbo di Dio “si fatto carne” (Kaì ho lógos sàrx eghéneto, Gv 1,14). E qui c’è tutta la vicinanza di Dio alla nostra condizione umana, tanto da assumerla, in ogni luogo e in ogni tempo. Eppure quest’affermazione si presta a molti rischi retorici. Per questo fa molto bene partire e ripartire da quella “carne” del Bambino, che è anche la nostra, che è quella di tutti. “Siamo tutti della stessa carne”, ha scandito papa Francesco nell’enciclica Fratelli tutti. Per dirla brutalmente la pandemia ci mostra come non esistono differenze etniche, sociali, economiche, economiche, politiche. Il Covid colpisce ogni tipo di “carne”. Il Cristo assume questa “carne”, la fa sua, con tutti i suoi limiti e limitazioni, la mascherina ne è solo un simbolo. Ma è un simbolo pregnante perché limita il contatto, proibisce baci, indebolisce la parola, ridisegna la comunicazione. Se pur nella limitazione del momento Cristo redime questa “carne”. Ma redimere vuol dire “ricomprare” e lo si può applicare a tanti aspetti: si può redimere dalla schiavitù, dalla tirannia, dalla malaria, dal servaggio straniero; redimere un popolo oppresso, le classi diseredate, una persona dalla devianza. 

 

Si può redimere dal Covid, in tutte le sue varianti. E quest’ultima redenzione può avvenire – con l’aiuto di Dio, per chi ci crede – se scienza, coscienza e responsabilità lavorano all’unisono. Altrimenti battiamo l’aria. Oppure moltiplichiamo le esibizioni di chi, in politica come in altre istituzioni, vuole solo e solamente “redimere” se stessi. E quindi, anche per la complicità di un giornalismo poco professionale, ogni giorno dobbiamo assistere a mini comizi (in maggioranza come in opposizione) in cui non è una parola a farsi carne, bensì un IO spropositato, cacciatore di consensi e spesso anche ridicolo e insopportabile. Ormai abbiamo esaurito satira e battute storiche per dire che diversi cittadini perbene e seri non ne possono più di questo spettacolo, che non ha niente a che fare con un’opposizione seria e costruttiva (interna o esterna), ma è solo caccia al consenso.

   

Ma Natale è anche - lo è diventata nel corso dei tempi - una festa laica, dove ognuno è libero di dare un significato: ci auguriamo un po’ più alto del banale consumismo e della stucchevole retorica, che affliggono credenti e non. Esiste una “redenzione” laica? La storia insegna certamente si. Quella italiana insegna che una grande Liberazione – sinonimo di redenzione -  è avvenuta perché c’è stato un concorso di tutte le forze sane per sconfiggere la malapianta del fascismo e creare una democrazia. Come esiste una possibilità di redenzione in tutti i percorsi personali, di gruppo e sociali dove la qualità della vita si è deteriorata per tanti motivi. Dalla Resistenza dobbiamo anche imparare che periodi lunghi come una dittatura, una guerra e, per alcuni aspetti, una pandemia modificano e amplificano atteggiamenti, spesso i peggiori tra questi. Resistere, redimersi vuol dire avere vigilanza profonda e continua sugli atteggiamenti personali e sociali che stanno mutando. In bene o male? 

 

Molto spesso si ha l’impressione che non basti l’esempio positivo di tutti gli operatori sanitari e sociali, che stanno dando se stessi per noi. Non basta nemmeno la memoria dei tanti morti. Non basta la drammaticità della situazione lavorativa di molti. Abbiamo un bel numero di comuni cittadini, parlamentari, presidenti e assessori regionali e comunali, pastori di comunità religiose, conduttori e ospiti di talk-show che chiacchierano, annegando in un mare di mediocrità, di frasi qualunquiste e lezioni di presunto buon governo. E non a caso, spesso, sono quelli che si lamentano di più su quello che manca in questo Natale o i primi a non rispettare le regole. Scriveva Emanuel Mounier: “È solo con l'interiorità che si sfugge alla mediocrità; non con il lirismo o la stessa generosità”. Soprattutto in questo Natale.

 

Rocco D’Ambrosio

 

Fonte: https://formiche.net/2020/12/mascherina-gesu-natale/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.