Tu sei qui: Home / In Parola / Gratitudine e gloria, di Rocco D'Ambrosio

Gratitudine e gloria, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 12/10/2019 10:32
Il brano non è solo un insegnamento sulla gratitudine, quasi una lezione di buona educazione. La vicenda del lebbroso ritornato è una lezione su...

 

Il Vangelo odierno: Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea.
Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati.
Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano.
Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!»
(Lc 17, 11-19).

13 ottobre 2019. Avevo un’anziana amica, donna forte e coerente, che mi ripeteva spesso: “Quanta è brutta l’ingratitudine!” Nella vita ne aveva passate tante: incomprensioni, lotte, scorrettezze, maldicenze e così via. Di queste non si lamentava quasi mai, ma dell’ingratitudine sì e spesso. Sembrava così forte da sopportare tutto, ma non il vedersi negato un grazie, specie da coloro, in famiglia e in parrocchia, per i quali aveva fatto tanto, con sollecitudine e generosità. Sembrava che tutti i grazie negati li stesse ancora aspettando.

Mi ritorna spesso in mente la sua testimonianza, il suo lamentarsi per l’ingratitudine; specie quando leggo questo brano. Gesù stigmatizza l’ingratitudine senza mezzi termini: “Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?”. Uno su dieci torna a rendere lode a Dio! Noi, che Gesù non siamo, forse dovremmo aspettarci uno su venti o cento o uno mille? Qualche volta avevo provato anche a dirlo alla mia anziana amica...

Ma il brano non è solo un insegnamento sulla gratitudine, quasi una lezione di buona educazione. La vicenda del lebbroso ritornato è una lezione su ciò che la gratitudine apre davanti a sé. Il lebbroso straniero, al pari degli altri, aveva già ricevuto il miracolo fisico. Ma solo e solamente quando torna a rendere gloria il miracolo raggiunge la pienezza: “Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!”, gli dice Gesù.

Solo se rendiamo gloria a Dio per il bene che lui opera nella nostra vita riceveremo la sua salvezza. Possiamo ricevere tutti i miracoli di questo mondo ma saremo in Lui per sempre solo se lo riconosciamo come unico Signore, lo adoriamo e gli diamo gloria. Sì, perché Dio è geloso: qualsiasi opera, evento, dono, incontro deve iniziare da Lui e portare a Lui. Rendendogli quanta maggior gloria possiamo.

Quello del rendere gloria a Dio è un atteggiamento fuori moda oggigiorno: non solo perché sempre meno diciamo grazie a chi ci aiuta, ma anche e soprattutto perché siamo spesso così pieni di noi stessi che non c’è spazio per la gloria di Dio. Per la nostra gloria sì, ma per quella di Dio, forse, raramente e in tono minore. E invece è così bello dire: Grazie Signore! E‘ così salutare pensare prima a Lui quando ci accade qualcosa di bello e fecondo, magari dicendo: Lode a Dio! E‘ così da persona matura ricordarsi che passa tutto: io, noi, gli altri, le cose belle e brutte, gli eventi personali e quelli comuni, la storia... passa proprio tutto. Resta solo Dio. 

E se non vogliamo essere esclusi dalla Sua gloria, dobbiamo rendergliene tanta, e sempre. Comunque. Nella buona e cattiva sorte. Dobbiamo rendergli gloria quando Lui da - e ciò non è cosi difficile - ma anche quando lui toglie. Come afferma Giobbe: “Nudo uscii dal grembo di mia madre, e nudo vi ritornerò.Il Signore ha dato, il Signore ha tolto, sia benedetto il nome del Signore!” (1, 21).

Oggi il papa canonizza John Henry Newman (1801-1890), uno dei maggiori teologi dell’epoca moderna, ma anche storico, romanziere e umanista. Era lui a scrivere: “Ognuno confronti quanto ha pregato nel momento della prova a quanto ha ringraziato quando le sue preghiere sono state esaudite”.    

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.