Tu sei qui: Home / In Parola / Gesù leader autentico, di Rocco D'Ambrosio

Gesù leader autentico, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 18/01/2020 11:51
i sono leader collaborativi o autocrati, rispettosi o dispotici, attesi agli altri o distratti, protesi alla crescita degli altri o autoreferenziali...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele». 

Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio» (Gv 1, 29-34).

19 gennaio 2020. Nella letteratura politica è molto studiato il rapporto tra leader e seguaci: svariatissimi sono i modi in cui si può gestire questo rapporto. Ci sono leader collaborativi o autocrati, rispettosi o dispotici, attesi agli altri o distratti, protesi alla crescita degli altri o autoreferenziali. Al tempo stesso ci sono seguaci autentici o falsi, leali o falsi, sinceri o adulatori. Dal rapporto di Giovanni con Gesù abbiamo molto da imparare. Ci soffermiamo sul rapporto del seguace Giovanni con il leader Gesù.

Iniziamo da quanto è espresso in questo brano: “Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!” L’attenzione primaria è nel riconoscere Gesù nella sua piena identità. Chi lavora autenticamente per un leader, in questo caso Gesù, non è un propagandista, né un “self promoter”, è una persona che crede nel leader e si sente coinvolto in tutto e per tutto dalla sua missione. Giovanni è cosciente che la sua missione si basi sul fatto che il Cristo venga dopo di lui “ma è davanti a lui, perché era prima di lui”. Il Cristo deve “brillare più di chi lo annuncia”, ci ricorda Francesco (EG, 138). 

Eppure spesso non è cosi. L’io ingombrante di molti leader (politici, dirigenti di azienda, responsabili di istituzioni e uffici, docenti, vescovi, preti, catechisti, giornalisti e via discorrendo) sposta l’attenzione da ciò che si annuncia o si vuole realizzare a se stessi. Gli esempi sono tantissimi e non c’è leader o istituzione che possa sentirsi immune dalla tentazione dell’autoreferenzialità. Due esempi per tutti: i partiti politici sono “incentrati” sui loro leader e non su contenuti e strategie politiche; le squadre di calcio sono sempre meno un gioco di squadra e sempre più club di “prime-donne”. 

Spesso, nelle nostre scuole di politica, mi chiedono cosa fare per preservarsi dalla piaga della autoreferenzialità. Risposta molto difficile. La via maestra da indicare è certamente quella dela formazione. Ma, insieme a questa, va ricordato che abbiamo bisogno di relazionarci costantemente a parenti stretti e amici, a un gruppo o a una comunità per fare discernimento. Chi  ci vuole bene può aiutarci a capire se proponiamo noi stessi o il Cristo, noi stessi o la finalità che portiamo avanti.

Giovanni, uomo onesto, è tutto proteso a testimoniare quello che ha visto, udito, contemplato. Non gli importa della sua persona, ma del Cristo, “che deve crescere”, mentre “lui deve diminuire” (Gv 3, 30). Tutto ciò non ha solo una valenza cristiana, ma anche laica. Ogni vero leader non attira l’attenzione su di sé, ma sui contenuti etici che porta e sul progetto che vuole realizzare. 

Ogni leader autentico non sopprime, non annulla, non umilia, ma fa crescere verso il bene tutti, condividendo finalità e risorse della propria missione; direbbe Mounier “crea, sviluppa, amplifica”.

Rocco D’Ambrosio

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.