Tu sei qui: Home / In Parola / Gesù in una famiglia migrante, di Rocco D'Ambrosio

Gesù in una famiglia migrante, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 28/12/2019 09:42
Il Vangelo della famiglia non è un'icona lontana nel tempo è anche il dramma di tante famiglie dei migranti di oggi...

 

Il Vangelo odierno: I Magi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e resta là finché non ti avvertirò: Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo».
Egli si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre e si rifugiò in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode, perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Dall’Egitto ho chiamato mio figlio».
Morto Erode, ecco, un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe in Egitto e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre e va’ nella terra d’Israele; sono morti infatti quelli che cercavano di uccidere il bambino».
Egli si alzò, prese il bambino e sua madre ed entrò nella terra d’Israele. Ma, quando venne a sapere che nella Giudea regnava Archelao al posto di suo padre Erode, ebbe paura di andarvi. Avvertito poi in sogno, si ritirò nella regione della Galilea e andò ad abitare in una città chiamata Nàzaret, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo dei profeti: «Sarà chiamato Nazareno»
(Mt 2, 13-23).

29 dicembre 2019. Dovremmo chiedere, a una delle famiglie immigrate clandestinamente, di commentare questo passo evangelico. Penso che non siano raccontabili facilmente eventi quali: fuggire di nascosto, affidarsi a sconosciuti, subire maltrattamenti, provare insicurezza e paura, sentirsi nessuno, patire fame e freddo e tanto altro.

In questi drammi, come in altri, il Vangelo è di parte. Una parte ben precisa. Il Vangelo è dalla parte di chi sbarca sulle nostre coste perché affamato di pane e di libertà, dalla parte di chi ha sudato anni per pagarsi la traversata, dalla parte di chi non ha altra scelta se non quella di emigrare. Non certo dalla parte di chi ha votato leggi razziste e contro l’accoglienza e solidarietà perché questa gente venga schedata alla stregua come i delinquenti; si pensi a tutto quello che prevede il Decreto Sicurezza di Salvini e che il nuovo Governo non ha ancora riformato. Il Vangelo è dalla parte di chi li salva in mare e li assiste senza fare distinzioni di sesso, colore della pelle, nazionalità, religione, lavoro e idee politiche. Il Vangelo è dalla parte di chi s’impegna per debellare la tratta degli esseri umani, il commercio di armi e droga, la criminalità locale e internazionale. Il Vangelo non è certo dalla parte di chi semina odio e rifiuto dei migranti, di chi alimenta il razzismo; di chi spende solo parole contro la mafia locale e globale ma poi è il primo a defilarsi quando si deve lottare e pagare di persona. Il Vangelo non è dalla parte di chi usa rosari, croci e presepi per offendere e manipolare persone. Non certo dalla parte di chi del volontariato si riempie la bocca e non i tempi delle sue giornate. Non certo dalla parte degli ipocriti che attaccano governo e leggi nei comizi e negli incontri pubblici e poi, un paio d’ore dopo, sono al tavolo di chi spartisce potere e proprietà nel più puro stile mafioso e corrompe in tanti modi.

Vangelo, allora, non è solo il testo che leggiamo, il Vangelo è anche la vita, il cuore, la mente di coloro che “completano i patimenti di Cristo” (cf. Col 1, 24) e operano per la pace e la giustizia, ovunque e comunque. Anche questo aiuta a uscire dalle sdolcinature e dai sentimentalismi del Natale. Oltre le fiabe e le sdolcinature il Vangelo ci presenta una famiglia che ripercorre i drammi noti di coloro che fuggono perché perseguitati da potenti e cattivi. Non è il quadretto della famiglia, come nelle pubblicità, senza problemi, tutto zucchero e sorrisi. Celebrare la sacra famiglia vuol dire anche fare il bagno di un sano realismo e di apertura di cuore e mente ai drammi delle famiglie in difficoltà.

Ma nonostante il dramma la famiglia di Nazareth ha una stella. E’ la sua cometa permanente: la voce del Signore che gli indica il da farsi, dove e come muoversi, su chi contare e su chi no. E Maria e Giuseppe si abbandonano a questo volere, con docilità e premura, come è nel loro stile. Questa voce è solo per loro? Non penso. Dio parla anche alle nostre famiglie. Ma forse esse sono spesso perse in fiabe e sdolcinature…

 Rocco D’Ambrosio

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.