Tu sei qui: Home / In Parola / Gesù e le contrarietà, di Rocco D'Ambrosio

Gesù e le contrarietà, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 02/02/2019 10:44
La vita è piena di contrarietà. Anche Gesù le ha avute e ci ha insegnato che...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù cominciò a dire nella sinagoga: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».
Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: «Non è costui il figlio di Giuseppe?». Ma egli rispose loro: «Certamente voi mi citerete questo proverbio: “Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafàrnao, fallo anche qui, nella tua patria!”». Poi aggiunse: «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. Anzi, in verità io vi dico: c’erano molte vedove in Israele al tempo di Elìa, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elìa, se non a una vedova a Sarèpta di Sidòne. C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro».
All’udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino
(Lc 4, 21-30).

3 febbraio 2019. La vita è piena di contrarietà. Gli esperti ci insegnano che accettarle, gestirle e superarle è fondamentale per il nostro equilibrio e per la nostra serenità. Mettendoci nei panni di Gesù, sembra che non sia stato affatto facile nella sinagoga di Nazaret: Gesù è oggetto di sospetti, rifiuti, pretese, sdegno, minacce di violenza e morte.

L’evento può essere commentato sotto molti punti di vista. Provo ad analizzarne qualcuno. La sua missione è messa in dubbio sulla base di invidia (per quello che Gesù aveva operato a Cafarnao) e rifiuto sella sua persona perché troppo ovvio, comune, figlio di uno di loro, quindi non avente i requisiti per essere il Messia. Chi conosce la storia della Chiesa, sa bene che denigrazione e invidia, rispetto al profeta, sono elementi molto, ma molto frequenti.

Gesù non si spaventa di ciò ma cerca di riportare, da autentica profeta, l’attenzione sullo stile di Dio: il Signore sa che il profeta non è riconosciuto e accettato tra i suoi, per questo offre la sua salvezza ad altri, ai cosiddetti lontani. E’ stato così per Elia e la vedova, per Eliseo e Naaman il Siro. Il Signore disperde invidiosi, superbi e saccenti nei pensieri del loro cuore (cf. Lc 1, 51). La salvezza non è non sarà mai per questo tipo di persone, non perché Lui non li voglia salvare, ma perché essi non si vogliono salvare, troppo chiusi in se stessi, troppo idolatri di se stessi per aprirsi al Liberatore.

Mi ha sempre colpito che Gesù non faccia niente per convincere i presenti di questo stile di Dio. Lo annuncia solamente e, mentre il loro sdegno aumenta e tramano di ucciderlo, “egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino”. I profeti non sono chiamati a convincere ma ad annunciare. Il rifiuto è da mettere in conto. Del resto i profeti non parlano per trovare consenso: se lo facessero non sarebbero più tali. I profeti parlano per annunciare il regno di Dio e far ritornare a Lui. E ciò non va da sé, ma ha mille contrarietà, in noi e attorno a noi.

L’atteggiamento di Gesù, forse, può dire anche qualcosa a noi, che profeti non siamo, ma abbiamo comunque delle contrarietà nella nostra vita. Dobbiamo imparare, sempre più, a non montarci la testa, a verificare in umiltà e saggezza le nostre idee, a parlare e agire perché crediamo in qualcosa o qualcuno; non perché aspettiamo il consenso. E’ questo che ci dà la forza, nelle piccole e grandi contrarietà, di passare in mezzo a invidie e conflitti, per proseguire il nostro cammino.

“La predicazione - scriveva Giovanni Battista Montini, il futuro Paolo VI, da giovane sacerdote - si completa e si avvalora con la forte lezione del buon esempio e di non curare l'esteriorità, la vanità, la ricerca di lode e di approvazione; ma di offrire la virtù vera, evidente o no, contraria o no all'opinione pubblica”.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
Prossimi eventi
II seminario di CuF 2019 sull'Europa 04/05/2019 16:30 - 20:00 — Sede di Cercasi un fine, Sala Bice Leddomade, Via Sanges 11A - Cassano delle Murge (Ba)
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Copertina114

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 114
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: L'Europa

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) testi da inviare entro il 30 aprile 2019.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?)  testi da inviare entro il 30 agosto 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.