Tu sei qui: Home / In Parola / Fame di Cristo, di Rocco D'Ambrosio

Fame di Cristo, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 17/09/2015 12:46
Siamo così abituati alla celebrazione della Messa da ritenerla quasi normale nella nostra vita di cristiani...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù disse alla folla:
«Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».
Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?».
Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda.
Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno»
(Gv 6, 51-58).

22.6.2014. Siamo così abituati alla celebrazione della Messa da ritenerla quasi normale nella nostra vita di cristiani. Eppure quando si leggono testimonianze e scritti di grandi credenti si resta meravigliati dalla loro esperienza di contatto e assimilazione dell’Eucaristia. Certamente le nostre messe non sono a quel livello. E spesso, purtroppo, troviamo tante scuse perché non lo siano.

Siamo un po’ come i Giudei del brano: Come può costui darci la sua carne da mangiare? Domanda che è in parte una scusa per non aprirsi e ricevere il grande dono di Gesù che si fa pane per noi. Noi abbiamo scuse diverse, ma che comunque prendono le distanze dal dono del pane eucaristico: non abbiamo tempo per andare a messa - ci distraiamo - il sacerdote non ci coinvolge - la predica è noiosa e vuota - basta pregare Dio per conto proprio e via discorrendo.

Se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita, dice Gesù. Ci sono molti modi per mangiare del Cristo. L’Eucaristia è, e resta, culmine e fonte (Vaticano II) del nutrirci di Lui. La domanda allora è: l’Eucaristia ci nutre? E cosa nutre? Il mio cuore? La mia intelligenza? Le mie emozioni? A queste domande esistono solo e solamente risposte personali.

Tuttavia credo che queste risposte non le troveremo mai se non facciamo attenzione a individuare i nostri bisogni, a saperne disegnare la mappa, nel cuore come nella mente, nella nostra carne come nella nostra storia. Capiamo cosa sia la dieta per il nostro fisico. Ma conosciamo una dieta per l’interiorità? Conosciamo la fame di Cristo? E quelli alimenti spirituali andrebbero eliminati per sentire la fame di Cristo? In termini evangelici: quanto pane mangiamo e poi moriamo? Quale pane di da la vita eterna?

Mi ha sempre fatto tanto pensare il desiderio di poter ricevere l’Eucaristia, da parte di coloro che ne sono esclusi, specie divorziati. Forse noi siamo fra quelli che frequentemente ricevono l’Eucaristia. Ma la desideriamo? Ne abbiamo fame?

E che fede è la nostra senza il desiderio di avere il Cristo?

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.