Tu sei qui: Home / In Parola / Due modi di vedere il potere, di Rocco D'Ambrosio

Due modi di vedere il potere, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 16:01
25 novembre 2012. Non siamo inglesi, né spagnoli, e il concetto di “re”, per noi italiani, fa parte solo di un immaginario fiabesco. Forse per entrare meglio nello spirito di questa pagina dovremmo trascurare la parola “re” e pensare al potere in sé...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Pilato disse a Gesù: «Sei tu il re dei Giudei?». Gesù rispose: «Dici questo da te, oppure altri ti hanno parlato di me?». Pilato disse: «Sono forse io Giudeo? La tua gente e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me. Che cosa hai fatto?». Rispose Gesù: «Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù». Allora Pilato gli disse: «Dunque tu sei re?». Rispose Gesù: «Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce» (Gv 18, 33-37).

Non siamo inglesi, né spagnoli, e il concetto di “re”, per noi italiani, fa parte solo di un immaginario fiabesco. Forse per entrare meglio nello spirito di questa pagina dovremmo trascurare la parola “re” e pensare al potere in sé. Due concezioni di potere qui si incontrano e scontrano. Gesù e Pilato. Pilato è posto lì a comandare. Gesù è e viene dal Padre per essere immagine di quel potere che è accoglienza e misericordia. Il suo regno “non è di questo mondo”. Ma Pilato non comprende. E’ troppo legato al suo potere terreno, alla delega ampia e quasi dittatoriale che ha ricevuto da Roma. Ne ha scritto molto bene Gustavo Zagrebelsky nel suo Il “Crucifige” e la democrazia.

Gesù è re diverso. La sua regalità è “per dare testimonianza alla verità”. Pilato non comprende e chiede: “Che cos’è la verità?”. Ma Gesù non risponde. Collego spesso questo tacere di Cristo al nostro parlare e abusare del termine verità, tanto da farne, in alcuni casi, una “clava” per nuove crociate. Il Vangelo non è mai una clava che colpisce tutti indiscriminatamente, senza alcun rispetto delle persone, della loro crescita individuale, dei luoghi e dei tempi in cui operano. «Qualche volta – scrive Romano Guardini - si dice: verità; ma fra questa verità e uno schiaffo non c’è alcuna differenza, tranne quella di colpire con la parola invece che con la mano».

Gesù non schiaffeggia, è invece schiaffeggiato durante il processo. Gesù non ingaggia con Pilato una disputa sul senso della verità, riporta tutto al rapporto personale che ha con i suoi: “Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce”.

La verità non è una clava, o un principio non negoziabile, o un dogma, o altro di intellettuale. La verità è il Signore Gesù: “Io sono la Verità” (Gv 14, 6). Non salva il rapporto con una norma o un principio o un dogma; ma salva il rapporto con Lui. E in questo rapporto profondo con il Cristo, in “questo regno non di quaggiù”, si scopre e si gusta quanto essere amati e comandati dal Cristo è un “giogo dolce e un peso leggero“, con tutte le contraddizioni e il fascino degli ossimori “giogo dolce e peso leggero”. Nel rapporto profondo con il Cristo si scopre e si gusta anche come regnare è servire.

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.