Tu sei qui: Home / In Parola / Dove corriamo noi, dove ci aspetta il Risorto, di Rocco D’Ambrosio

Dove corriamo noi, dove ci aspetta il Risorto, di Rocco D’Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 17/04/2022 00:37
Con la riflessione del nostro direttore Rocco D'Ambrosio, porgiamo a tutti i lettori, soci, corsisti e amici di Cercasi un fine, l'augurio per una Pasqua serena...

Dove corriamo noi, dove ci aspetta il Risorto, di Rocco D’Ambrosio

 

“Correvano insieme tutti e due – Pietro e Giovanni - ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro” (Gv 20). E chi di noi, in questo mondo, non corre? Si corre per impegni di lavoro, ritmi incalzanti, scadenze scelte o imposte. Ma si corre anche con la mente o il cuore, come per i progetti di vita per migliorare e progredire. Si corre con le previsioni e i desideri piccoli o grandi che siano: la nostra vita da gestire, ma anche la pandemia da superare definitivamente e la guerra da archiviare. C’è anche chi corre via da fame, prigionie, violenze, epidemie e guerre, non solo in Ucraina. I migranti lo sanno fin troppo bene. Alcune volte si corre anche senza sapere dove andare, per evasione. E’ ovvio che corre bene chi sa dove andare e come andarci. Chi ha una meta. Ma anche chi è libero di farlo.

 

La Pasqua, cioè il celebrare la Resurrezione di Cristo, è una festa difficile, non solo per i non credenti, ma anche per i cristiani. Non tutti sono disponibili a correre verso un sepolcro vuoto, per quanto possa essere una conferma. Solo Maria resta sperando di incontrare il Cristo: cosa che poi avviene.  Ci sono corse che non appagano, né rispondono a tante domande che tutti ci portiamo dentro. La guerra finirà presto? Il cammino di pace soccomberà? La linea storica è quella del progresso etico e sociale (oltre che tecnologico), o la crescita integrale dell’umanità è una terribile illusione? E’ una corsa in discesa o in salita?

 

La corsa di Pietro e Giovanni si conclude con la visione dei “teli posati là, e il sudario - che era stato sul suo capo - non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte”. Ben poca cosa rispetto a un evento annunciato essere di portata storica: un uomo che risorge dai morti. Eppure ambedue vedono quei piccoli particolari e credono. Certo "il buon Dio alberga nel dettaglio" (Aby Warburg); ma per quanto i discepoli ne avessero visti tanti, di dettagli, eppure la resurrezione era ancora fuori dalla portata di mente e cuore. Fino ad allora “non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti”. Su questa difficoltà a comprendere non bisogna glissare, né aver paura di analizzare i nostri dubbi di fede. Certamente non aiuta il diffondersi, tra i cristiani, di un atteggiamento ideologico, dove fede, impegno per la pace e cura degli altri, alcune volte si trasformano in crociate senza cuore e senza ingegno; non aiuta la pretesa di avere risposte su tutti i drammi personali e globali; non aiuta il sentirsi depositari di verità, chiudendosi al dialogo con gli altri.  

 

I discepoli non avevano compreso. Noi non abbiamo compreso. Ci sono sfuggite tante cose, ce ne sfuggono ancora tante, della pandemia e della guerra, come delle ferite personali e relazionali. Bisogna rimettere ordine, altrimenti un nuovo nichilismo avrà la meglio, come ha ben scritto Riccardo Cristiano su queste pagine (https://formiche.net/2022/04/nichilismo-guerra-occidente-dibattito-papa-francesco/ ). Come per i discepoli, come anche per noi, nessuno inizia da zero. Ci saranno sempre da qualche parte parole pregnanti, non vuote; relazioni sane, non false; un diritto non giullare del potere, ma tutela specie dei poveri e degli ultimi; politici probi e competenti, e non lupi travestiti da pecore; ci saranno pure “teli e sudari riposti in ordine”, contro il caos di una parte di mondo. Si inizia di lì per (ri)credere, per rialzarsi, per rinascere, per costruire.

 

Lo ha scritto cosi bene Ernesto Balducci: “La morte di Gesù fu una morte politica e non una morte privata, porta i sigilli dei poteri di quel tempo. Ecco perché l’annuncio pasquale non è fatto per darci una provvisoria esaltazione immaginativa, è fatto per risospingerci alle radici dove noi elaboriamo le nostre scelte fondamentali. È lì che tutto si decide. Dio guarda nel cuore e non alle nostre chiacchiere o ai nostri riti. È in questa profondità, dove noi ci troviamo di continuo al bivio fra morte e vita, che decidiamo di noi stessi e decidiamo del futuro del mondo. Fatta questa riflessione, acquistiamo in qualche modo il diritto di abbandonarci al rito, alle parole sacre, ma contenendole coscientemente dentro la riserva che abbiamo posto: tutto questo è vano, anzi è menzogna se non passa attraverso il filtro del senso di responsabilità che abbiamo cercato di rievocare sulle pagine della Scrittura".

anche in https://formiche.net/2022/04/dambrosio-pasqua-gesu-giovanni-resurrezione/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.