Tu sei qui: Home / In Parola / Donna in ascolto, di Rocco D'Ambrosio

Donna in ascolto, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 07/12/2013 21:46
Quando ci ritroviamo in situazioni simili a quelle di Maria possiamo fa degenerare le nostre difficoltà in dubbi profondi, fino al punto di abbandonare tutto, magari imprecando contro Dio, dubitando della sua esistenza o delle sue buone intenzioni...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». 
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei. (Lc 1, 26-38).

8.12.2013. Ci sono molte cose incomprensibili, dal punto di vista umano, nella vita di fede. E per quanto noi possiamo ritornarci a riflettere e pensare, esse restano tali. Una di queste è il concepimento di Gesù, raccontato molto sinteticamente da Luca. Una giovane, un angelo, una promessa di nascita. Maria, Gabriele, Gesù. Il Cristo è annunciato e concepito in maniera straordinaria. L’evento così raccontato ci affascina e ci sconvolge. La prima a vivere ciò è Maria. Non a caso chiede: Come avverrà questo, poiché non conosco uomo? Non c’è nessun problema, né colpa nell’avere difficoltà e perplessità nel capire e seguire il volere del buon Dio. Ci sono molte cose che non comprendiamo, che sono fuori da qualsiasi logica umana.

Quando ci ritroviamo in situazioni simili a quelle di Maria possiamo fa degenerare le nostre difficoltà in dubbi profondi, fino al punto di abbandonare tutto, magari imprecando contro Dio, dubitando della sua esistenza o delle sue buone intenzioni. Maria ha difficoltà ma non dubbi. Qual è la differenza, nella vita di fede, tra dubbi e difficoltà? L’ha spiegato bene John Henry Newman: Diecimila difficoltà, secondo me, non costituiscono un solo dubbio; difficoltà e dubbi sono incommensurabili fra loro... A un uomo può dispiacere di non riuscire a risolvere un problema di matematica, di cui gli è stata data o no la risposta, ma non per questo dubita che il problema ammetta una risposta e che una particolare e determinata risposta sia quella vera.

Quindi Maria non ha dubbi ma difficoltà. E per risolverle si apre all’ascolto. L’angelo la introduce nell’azione dello spirito, riguardo alla sua vita e quella della sua cugina Elisabetta. Maria ascolta e scopre o riscopre che: nulla è impossibile a Dio. Allora obbedisce. L’ascolto l’ha portata a confermare l’azione di Dio, a gustarla di più e quindi a obbedire con più slancio: Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola.

Mi ha sempre colpito leggere in un autore ateo e contrario alla fede cristiana un inno all’obbedienza. Mi riferisco a Friedrich Nietzsche quando scrive: Appare chiaramente che la cosa principale in cielo e sulla terra è obbedire per molto tempo e in una stessa direzione: a lungo andare ne risulta qualche cosa per cui vale la pena di vivere su questa terra, come per esempio, la virtù, l'arte, la musica, la danza, la ragione, lo spirito, qualche cosa che trasfiguri; qualche cosa di raffinato, di folle o di divino.

Forse Nietzsche non ha mai pensato che Maria ha percorso quanto lui indicava: l’obbedienza continua a ciò per cui vale la pena di vivere su questa terra, intesa come esperienza di trasfigurazione, di qualche cosa di raffinato, di folle o di divino. E’ stato così per Maria. Lo auguriamo, nel piccolo, anche per noi.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.