Tu sei qui: Home / In Parola / Una storia più grande di noi, di Rocco D'Ambrosio

Una storia più grande di noi, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 31/12/2016 17:31
Buon anno... cercando di far parte della storia più grande di noi.

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro. Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo (Lc 2, 16-21).

 

1 gennaio 2017. Un evento è sempre legato a un racconto: chi lo vive, prima o poi, lo racconta ad altri. ”Non affronteremmo un viaggio in mare - scriveva Blaise Pascal -  per il solo piacere di vedere, senza speranza di poterlo mai raccontare". Maria e Giuseppe, i pastori e i vicini partecipano a un evento eccezionale, non certo per le forme ma per i contenuti: il Messia, il Figlio di Dio si è fatto carne a Betlemme, in una mangiatoia. Tuttavia anche loro raccontano, il Vangelo dice "riferiscono". Ma è bene soffermarci su questo movimento del parlare dell'evento.

Maria e Giuseppe, i pastori sono, prima di tutto, destinatari di un annuncio, che conosciamo bene. Ciò significa che il loro racconto... è preceduto da un altro racconto, cioè l'intervento di Dio. I pastori, prima di muoversi, ricevono l’annuncio dell’angelo e per questo vanno “senza indugio”. La loro solerzia è basata su un annuncio. Non siamo autori di una storia, siamo solo attori che si immettono in una storia più grande di noi: quella di Dio Creatore e Redentore.

Noi non diamo inizio a nessuna storia perché non abbiamo creato mai un bel cavolo di niente. Siamo stati solo creati e fatti partecipi di qualcosa di grande. In altri termini non siamo noi a dare inizio alla storia ma è solo il buon Dio autore di tutto quello che vediamo, ascoltiamo e facciamo. Se tutto va bene collaboriamo a questa grande storia, con i doni che Lui ci ha elargito, limiti e peccati permettendo. L’autenticità della nostra storia - è bene ricordarlo in tempi di populismi, bufale o post verità - è data dal far parte di una storia più grande di noi, ossia quella che Dio scrive con ognuno di noi, con tutto i suoi giusti.

Un’ultima nota: “Maria, da parte sua…”, scrive l’evangelista: Luca non ci ricorda il ruolo grande con cui Maria partecipa al racconto di Dio, ci ricorda, invece, che ella “custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore”. Nel suo “Enrico V”, riferendosi alla maturazione avvenuta nel giovane re, Shakespeare parla di una capacità decisiva in questa crescita: la “consideration", ossia la riflessione, la meditazione, la ruminazione su quello che si fa. Tale riflessione o meditazione deve portare ad acquisire, verificare e fortificare quanto avviene nella nostra vita, quanto Dio ci manifesta e ci indica. Per alcuni aspetti il segreto delle grandi storie sta nell’umiltà e nella meditazione che abbiamo. Maria lo ha fatto.

Vi auguro un buon anno, in una storia più grande di noi, con tanta, tanta “consideration”!

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.