Tu sei qui: Home / In Parola / Dio o la ricchezza, di Rocco D'Ambrosio

Dio o la ricchezza, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 14/09/2015 18:02
A tutti coloro che amministrano, cioè tutti noi, che amministriamo per lo meno la vita e i suoi relativi impegni, la domanda da porre è: per quale finalità amministriamo? Per il buon Dio o per la nostra ricchezza?

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli:
«Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”.
L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”. Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?”. Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”.
Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce.
Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne.
Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?
Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza»
(Lc 16, 1-13).

22.9.2013. E’ forte, nel brano evangelico odierno, l’opposizione tra i figli di questo mondo e i figli della luce. A perderci sono quest’ultimi perché i primi sono più scaltri. Quindi Gesù vuole che impariamo qualcosa dai figli di questo mondo. Già questo è un dato molto importante: non sono solo i credenti a insegnare qualcosa al mondo, ma anche coloro che non sono “dei nostri” hanno molto da insegnarci. E allora, cosa imparare?

L’insegnamento fondamentale sembra essere: saper amministrare. Persino con la disonesta ricchezza! Il buon amministratore sembra essere colui che ha molto chiara la finalità: farsi amici, essere fedeli, darsi a un unico padrone. Non sembra rientrare, nel brano evangelico, molta attenzione alle capacità tecniche, agli skills, direbbero gli inglesi. Esse sono solo mezzi per un fine. E il buon amministratore le ha, ma ha soprattutto le idee chiare e va dritto per la sua strada. Alla luce di ciò si svelano per la loro stupidità e inconsistenza affermazioni quali: si può essere buoni amministratori solo se si ha a che fare con piccole somme e piccoli problemi. Che stupidaggine! Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Affermazione di Gesù che dobbiamo ricordare quando valutiamo amministratori di istituzioni laiche o cattoliche, piccole o grandi che siano. A tutti coloro che amministrano, cioè tutti noi, che amministriamo per lo meno la vita e i suoi relativi impegni, la domanda da porre è:  per quale finalità amministriamo? Per il buon Dio o per il nostro tornaconto in denaro?

Molti aspetti della vita umana oggi sono diventati luogo e occasione per accrescere le proprie risorse, per lo più materiali, non curanti di indicazioni etiche, ma piegando il tutto, anche le idee, a interessi pratici e meschini. Il passaggio sembra essere avvenuto per lo più a causa della mentalità capitalistica sfrenata, dove il dio è il profitto ad ogni costo. Va da sé che questa mentalità non irretisce solo chi detiene un potere, ma un po’ tutte le classi sociali e, in maniera trasversale, uomini e donne che vivono in diversi luoghi e culture.

Si tratta di quell’agire economicamente orientato, come scriveva Weber, di quelle azioni che hanno come fine prestazioni di utilità e accrescimento di esse. Non importa qui precisare di che tipo siano le utilità - cognitive, emotive o materiali - quanto il fatto che esse diventino finalità principale del proprio agire personale e istituzionale, sottoposte ad uno scambio, collocato in un vero e proprio mercato.

Così gli altri, alla stregua di se stessi, vengono sperimentati come merce di scambio e tale processo non è diverso da quanto accade alle merci del mercato. Tuttavia non è solo e sempre così. La mentalità liberista piuttosto co-abita con dinamiche relazionali ispirate a logiche di qualità etica ben diverse, quali l’amore, la promozione del bene comune, il servizio, la solidarietà, la gratuità.

Allora da dove iniziare? Dal guardarsi dall’avidità. Essa, sappiamo, è la fame di guadagno. Nella classicità è chiamata pleonexía e condannata da Aristotele, come da tanti altri autori. «La gente – ammonisce Aristotele - prega per avere queste cose [beni materiali, ndr], e le persegue; ma ciò non è bene, bisognerebbe piuttosto pregare che ciò che è bene in generale lo sia anche per noi stessi, e scegliere ciò che per noi stessi è bene».

Con presupposti e finalità diverse, simile è l’insegnamento evangelico: bisogna confidare nel Signore e non nei beni materiali. Essi sono evangelicamente personificati nella ricchezza e opposti a Dio in maniera radicale. Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza.

Rocco D'Ambrosio
Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.