Tu sei qui: Home / In Parola / Contemplare o agire, di Rocco D'Ambrosio

Contemplare o agire, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 17/07/2016 00:28
Un dilemma costante: scegliere la contemplazione o l'azione? Due modelli di vita a confronto...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta»
(Lc 10, 38-42).

17 luglio 2016. Scriveva Raissa Maritain che la contemplazione è come “come una pompa aspirante e premente che attira l'acqua, e la immette nei canali”. Il brano del vangelo odierno mostra una sorella, Maria, che ha compreso molto bene il valore della contemplazione e di sua sorella, Marta, che sembra distratta e concentrata su altro. La prima attira l’acqua del Signore, la seconda l’acqua reale, di cui abbiamo lo stesso bisogno. E’ la stessa logica del cibo che perisce e di quello per la vita eterna (Gv 10), ambedue necessari alla nostra esistenza.

Di mezzo, tra le due acque o i due cibi, c’è il rimprovero di Gesù: “Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose”. Le critiche sulla nostra società che privilegia l'avere all'essere, o il fare al contemplare sono fin troppo ovvie e scontate, qualche volta anche retoriche. Lasciamo stare questo tipo di critiche e concentriamoci sulle persone, ovvero su noi stessi. Marta non era nel torto, anzi la sua era un'accoglienza concreta e operosa. Ma forse era troppo: Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, dice Gesù. Credo che il rimprovero fosse rivolto a quel affannarsi e agitarsi per molte cose. Credo che Marta, come un po' tutti noi, abbia un problema di misura. Quello della misura non è solo un tema della Grecia classica, ma anche biblico. Affannarsi e agitarsi, nella vita, credo sia abbastanza comune. Ma dobbiamo darci una misura. Altrimenti l’acqua o cibo terreni diventano più importanti di quelli celesti, di quelli che “non ci saranno tolti”.

Il brano evangelico ci aiuta a ridefinire la misura, quasi a ricalibrarla tenendo fede ad alcuni principi etici. Anche se li conosciamo bene, elencarli aiuta a compiere una verifica onesta ed efficace. L'ospitalità è sacra; tante cose sono sacre nella vita, ma lo sono solo e se orientate alle persone, prima di tutto ai prossimi, amici, parenti, colleghi e così via. Le persone prima di tutto, altrimenti stiamo battendo l'aria e dicendo tante di quelle chiacchiere per giustificare il nostro affannarci e agitarci.

Ma tra le persone... Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta, dice Gesù. E qual'è? Verrebbe spontaneo chiedere a nostro Signore. E' l'ascoltarlo lasciando perdere tutto, compresa Marta, le faccende domestiche, il contesto e via dicendo? Sembrerebbe di si. Infatti leggiamo: “Marta aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi”. Eppure sono convinto che una lettura superficiale di questo passo, come una risposta frettolosa alla nostra domanda ci porterebbe a una sciocca contrapposizione: Maria rappresenta le contemplative, che stanno dalla parte migliore che non si perde mai; Marta rappresenta le attive, a rischio di affanno e agitazione continui. E' così troppo semplice?

Nella vita abbiamo bisogno di Marta come di Maria. Ma la loro opera ha misure diverse. Quella di Maria è la maggiore e quindi viene prima di tutto, sopra tutto e dopo tutto. Il motivo lo spiega ancora Raissa Maritain: “Occorre che esistano delle anime unicamente occupate a bere a questa sorgente che viene dall'alto (contemplazione). Per mezzo loro, poi, l'acqua viva dell'amore ed il suo gusto divino arrivano a coloro la cui vocazione comporta maggiore attività. La contemplazione è come una pompa aspirante e premente che attira l'acqua, e la immette nei canali. Se la contemplazione cessasse interamente, i cuori sarebbero presto disseccati”.

Rocco D'Ambrosio


Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.