Tu sei qui: Home / In Parola / Credere... senza scagliare fulmini!, di Rocco D'Ambrosio

Credere... senza scagliare fulmini!, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 29/06/2019 11:01
Gesù ricorda che la sequela non ammette esitazioni e richiede un grande lavoro su se stessi. Altro che fulmini scagliati a buon mercato!

 

Il Vangelo odierno: Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé. Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio. Mentre camminavano per la strada, un tale gli disse: «Ti seguirò dovunque tu vada». E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo». A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio». Un altro disse: «Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia». Ma Gesù gli rispose: «Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio» (Lc 9, 51-62).

 

30 giugno 2019. Imprecare contro chi ci è contro è un istinto: la nostra natura si ribella alla contrarietà. E ognuno di noi può raccontare tanti, forse tantissimi, episodi in cui ha perso la pazienza e ha iniziato a imprecare; in maniera lieve o pesante, comunque lo ha fatto. Anche i discepoli, dal canto loro, non vanno per il sottile: “Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?” In altri termini chiedono che gli oppositori siano fulminati. Ma Gesù si volta e li rimprovera. Gesù non ci sta; non accetta che si imprechi.

Sea Watch 3, rifiuti di migranti, campagne elettorali, tensioni politiche, difficoltà economiche, relazioni difficili, conflitti familiari, professionali e sociali e via discorrendo: tutte situazioni che inducono a chiedere a Dio di scagliare fulmini. Nella lettera ai Galati (5, 15) Paolo afferma che “Tutta la Legge infatti trova la sua pienezza in un solo precetto: «Amerai il tuo prossimo come te stesso». Ma se vi mordete e vi divorate a vicenda, badate almeno di non distruggervi del tutto gli uni gli altri!”. Non so se migliori o peggiori del passato ma i tempi del cattolicesimo italiano sono questi: cattolici - cardinali, vescovi o fedeli laici non importa - che parlano di migranti e poveri per mordere, offendere, denigrare, condannare, evitare. E anche qui istintivamente verrebbe da chiedere al Signore un fuoco che li consumi…  

Ma non è questa la strada. “Gesù si voltò e li rimproverò”. Gesù non ci sta. Gesù è per altre soluzioni. La pace, il dialogo, la ricerca di ciò che unisce e il cercare di superare ciò che divide, sono una vera e propria fatica. Non si raggiungono da un momento all’altro, non si costruiscono a tavolino, raramente sono a portata di mano. Costano passione, pazienza, impegno e fatica. Come la sequela di Cristo.

Leggo in quest’ottica le richieste degli interlocutori successivi: essi pur non manifestando contrarietà, pongono condizioni nel seguire Gesù. Egli ha una risposta per tutti e tre. In sintesi: il primo è informato sulle difficoltà della sequela; il secondo è richiamato al primato della sequela su tutto (morti compresi); al terzo Gesù ricorda che la sequela non ammette esitazioni e richiede un grande lavoro su stessi. Altro che fulmini scagliati a buon mercato! La sequela è come la fatica della pace e del dialogo: richiede passione, impegno e fatica.

In un caso - ricorderemo -  è Gesù stesso a chiedere se ci sia ancora volontà di continuare, dopo avere ascoltato alcune conseguenze della sequela: Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui. Disse allora Gesù ai Dodici: «Volete andarvene anche voi?». Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio». (Gv 6, 67-69). Ciò fa pensare che anche Pietro e compagni abbiano avuto diversi momenti di crisi. La sequela di Cristo non è mai stata semplice per nessuno.

Rocco D’Ambrosio

 

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?) .

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.