Tu sei qui: Home / In Parola / Costruire con coscienza, di Rocco D'Ambrosio

Costruire con coscienza, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 03/09/2016 12:34
Due importanti aspetti della vita personale, familiare, professionale, sociale e politica sono il discernimento e la responsabilità.

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro:
«Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo.
Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.
Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”.
Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace.
Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo».
(Lc 14, 25-33).

4.9.2014. Le immagini del terremoto continuano a impressionarci: di torri e palazzi costruiti male, e quindi caduti, ce ne sono così tanti che è impossibile non pensarci. Dice Gesù: “Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine?”. Sedersi, calcolare, vedere i mezzi sono tutti atteggiamenti che rimandano a due importanti aspetti della vita personale, familiare, professionale, sociale e politica: il discernimento e la responsabilità.

Il discernimento. Nella vita abbiamo sempre torri da costruire e battaglie da sostenere. Discernere - sappiamo bene - vuol dire, come dice Francesco, “aiutare a trovare le strade possibili di risposta a Dio e di crescita attraverso i limiti. Credendo che tutto sia bianco o nero, a volte chiudiamo la via della grazia e della crescita e scoraggiamo percorsi di santificazione che danno gloria a Dio” (AL, 304). Si cresce attraverso i limiti e si impara a superarli, quando si può; ma si impara a rispondere a Dio in ogni situazione. Per chi non crede, si direbbe, a fare il bene in ogni situazione: un bene possibile, non ideale e astratto. Costruiamo una torre che dobbiamo abitare: qui, ora, con questi mezzi, con questa finalità e con queste persone. Tutti elementi da sottoporre a discernimento, da verificare, scegliere e confermare; tutto con lo stesso fine: fare il bene, per quanto ci è possibile.

La responsabilità. Prima che la magistratura indichi i probabili responsabili dei crolli, nelle zone sismiche, esiste la persona responsabilità nel riconoscere e rispondere di quanto si è fatto e di come lo si è fatto. Quante giustificazione per non assumersi le proprie responsabilità: così fan tutti, si usa, non sapevo, non me ne ero accorto, tengo famiglia, ecc ecc. Responsabilità - scriveva Max Weber -  è ”rispondere delle prevedibili conseguenze del proprio agire”. E, in questo nessuno, si può sentire escluso: dal genitore al figlio, dal politico al lavoratore, dal papa al semplice fedele, dal dirigente all’impiegato, da chi comanda al semplice cittadino. Tutti, proprio tutti. Per ognuno giunge il momento in cui siamo posti, volenti o nolenti, davanti alle nostre responsabilità, a rispondere a Dio e alla nostra coscienza di ciò che abbiamo fatto e di come lo abbiamo fatto.

Il brano si chiude con il monito di Gesù: “Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo”. Seguire Gesù è certamente frutto di discernimento e responsabilità. E’  frutto di un calcolo, come quello della torre, ma di un calcolo a perdere, ossia rinunciare ai propri averi. Non si parla di riti, celebrazioni, processioni, piani pastorali, “valori non negoziabili”, morale sessuale-familiare, formalismi ecclesiastici, ipocrisie varie e così via, ma solo di rinuncia ai propri averi. Questo è il calcolo, la pianificazione, la previsione, il discernimento. Ma perché mai? Perché è facile attaccassi ai beni, al denaro più di quanto lo siamo a Dio. E allora discernimento e responsabilità vanno a farsi benedire oppure si orientano tutte al guadagno. Se così fosse, poveri noi…

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.