Tu sei qui: Home / In Parola / Come i gigli del campo, di Rocco D'Ambrosio

Come i gigli del campo, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 25/02/2017 15:24
Il senso dell'abbandono nelle mani di un altro - la mamma, il papà, un fratello, una sorella, un parente, l'amato/a, l'amico/a - è un'esperienza indescrivibile...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:
«Nessuno può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza.
Perciò io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito?
Guardate gli uccelli del cielo: non séminano e non mietono, né raccolgono nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non valete forse più di loro? E chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita?
E per il vestito, perché vi preoccupate? Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora, se Dio veste così l’erba del campo, che oggi c’è e domani si getta nel forno, non farà molto di più per voi, gente di poca fede?
Non preoccupatevi dunque dicendo: “Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?”. Di tutte queste cose vanno in cerca i pagani. Il Padre vostro celeste, infatti, sa che ne avete bisogno.
Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta.
Non preoccupatevi dunque del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena».
(Mt 6, 24-34)

26 febbraio 2017. Il senso dell'abbandono nelle mani di un altro - la mamma, il papà, un fratello, una sorella, un parente, l'amato/a, l'amico/a - è un'esperienza indescrivibile. Qui Gesù ci invita all'abbandono nelle mani di Dio Padre. E lo fa invitandoci non a ripiegarci su noi stessi, a misurare le nostre forze, a calcolare i pro o i contro, ma ad aprire e alzare lo sguardo: “Guardate gli uccelli del cielo: non seminano e non mietono, né raccolgono nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. E poi di seguito: Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro”.

A che serve guardare la natura, il mondo? Credo che serva prima di tutto a capire che Dio è il Signore di tutto, ama tutti e non dimentica nessuno, dalla più piccola creatura alla più grande, ovvero a noi donne e uomini. Ma questo produce automaticamente una forma di abbandono nelle sue mani? Non proprio.

Non va trascurato il riferimento che Gesù fa al rapporto con i beni materiali. Molte volte siamo più abbandonati, dipendenti da essi, quanto lo siamo da Dio. In sintesi diremmo che crediamo più nella previdenza che nella provvidenza! Anche i beni materiali, la loro ricerca affannata e ossessiva, le paure collegate, ci portano a non abbandonarci nelle mani di Dio. Anche in questo caso vanno aperti gli orizzonti a qualcosa di ben più grande: “Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta”.

Il senso dell’abbandono nelle mani di Dio può nascere per paura della sua punizione, per disperazione nel non trovare altro aiuto (materiale e non) o per amore per lui e considerazione della sua grandezza misericordiosa e premurosa nei nostri confronti. La paura o la disperazione ci danno forme deboli e surrogate di abbandono, spesso più deleterie della superbia o autoreferenzialità. La vita quotidiana, l’esperienza in tante relazioni d’amore e amicizia ci insegna che amore e abbandono nelle mani altrui sono direttamente proporzionali. E’ così anche con il buon Dio.

Scriveva dom Helder Camara:

" Almeno la notte lascia che il tuo cuore riposi...

almeno la notte cessa di correre, calma  i tuoi desideri, quasi impazziti,

vedi se riesci ad addormentare i tuoi sogni.

Abbandonati corpo e anima, abbandonati davvero in modo totale e assoluto nelle mani di Dio!"

Rocco D’Ambrosio


Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.