Tu sei qui: Home / In Parola / Dove lo hanno posto? di Rocco D'Ambrosio

Dove lo hanno posto? di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 26/03/2016 16:49
La resurrezione ci parla della terra, di una tomba vuota, ma, al tempo stesso, ci apre a una realtà superiore, al Signore Risorto

 

Il Vangelo odierno: Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti
(Gv 20, 1-9)

27 marzo 2016. Maria corse da Simon Pietro e da Giovanni, dicendo: ”Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!”. Questa sequenza di fatti e interrogativi è comune a ogni evangelista: sepolcro vuoto - domande su che fine abbia fatto il suo corpo - apparizioni di Gesù per confermare la sua risurrezione. E, in questa sequenza, sembra esserci molto del significato dell’evento che celebriamo oggi.

La resurrezione ci parla della terra, di una tomba vuota, ma, al tempo stesso, ci apre a una realtà superiore, al Signore Risorto. Non a caso i teologi parlano di evento che è, a un tempo, storico e metastorico. Di mezzo, tra la storia e la realtà oltre la storia, ci sono le corse, i dubbi, gli affanni, i desideri delle discepole, soprattutto, e dei discepoli. Noi non abbiamo molte difficoltà a comprendere tutto quello che è storico, che è terra, tomba vuota, sentimenti contrastanti e mancanze di fede. Ma abbiamo molte difficoltà a capire quello che va oltre il nostro orto. Non potrebbe essere diversamente. Non stiamo parlando di un sacrifico, di una morte cruenta e inflitta ingiustamente, che per quanto orribile, fa purtroppo parte di quel lato oscuro di umanità che spesso si manifesta, come ha ricordato papa Francesco nel suo stupendo e profondo inno alla Croce, pronunciato venerdi scorso al Colosseo.Noi crediamo nella Croce di Cristo quanto crediamo in un evento che va oltre la storia: Gesù è risorto!!

Ma molto ci rallenta nel credere, quasi una pietra che non è stata ancora rotolata. Faccio mie le sagge parole di don Tonino Bello:

“Vorrei che potessimo liberarci dai macigni che ci opprimono, ogni giorno: Pasqua è la festa dei macigni rotolati. E' la festa del terremoto.
La mattina di Pasqua le donne, giunte nell'orto, videro il macigno rimosso dal sepolcro.
Ognuno di noi ha il suo macigno. Una pietra enorme messa all'imboccatura dell'anima che non lascia filtrare l'ossigeno, che opprime in una morsa di gelo; che blocca ogni lama di luce,che impedisce la comunicazione con l'altro.
E' il macigno della solitudine, della miseria, della malattia, dell'odio, della disperazione del peccato.
Siamo tombe alienate. Ognuno con il suo sigillo di morte.
Pasqua allora, sia per tutti il rotolare del macigno, la fine degli incubi, l'inizio della luce, la primavera di rapporti nuovi e se ognuno di noi, uscito dal suo sepolcro, si adopererà per rimuovere il macigno del sepolcro accanto, si ripeterà finalmente il miracolo che contrassegnò la resurrezione di Cristo”.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.