Tu sei qui: Home / In Parola / C'è vita che vince, di Rocco D'Ambrosio

C'è vita che vince, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 20/04/2019 11:46
Si può parlare di quello che si è visto o provato o comunque appartenente alla sfera umana, come il dolore, l’abbandono, la disperazione, la gioia, l’amore… Ma della Resurrezione proprio no!

 

Il Vangelo di Pasqua: ”Il primo giorno della settimana, al mattino presto [le donne] si recarono al sepolcro, portando con sé gli aromi che avevano preparato. Trovarono che la pietra era stata rimossa dal sepolcro e, entrate, non trovarono il corpo del Signore Gesù. 

Mentre si domandavano che senso avesse tutto questo, ecco due uomini presentarsi a loro in abito sfolgorante. Le donne, impaurite, tenevano il volto chinato a terra, ma quelli dissero loro: «Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui, è risorto. Ricordatevi come vi parlò quando era ancora in Galilea e diceva: "Bisogna che il Figlio dell'uomo sia consegnato in mano ai peccatori, sia crocifisso e risorga il terzo giorno"». 

Ed esse si ricordarono delle sue parole e, tornate dal sepolcro, annunciarono tutto questo agli Undici e a tutti gli altri. Erano Maria Maddalena, Giovanna e Maria madre di Giacomo. Anche le altre, che erano con loro, raccontavano queste cose agli apostoli. 

Quelle parole parvero a loro come un vaneggiamento e non credevano ad esse. Pietro tuttavia si alzò, corse al sepolcro e, chinatosi, vide soltanto i teli. E tornò indietro, pieno di stupore per l’accaduto" (Lc 24, 1-12).

 

21 aprile 2019. Si può parlare di quello che si è visto o provato o comunque appartenente alla sfera umana, come il dolore, l’abbandono, la disperazione, la gioia, l’amore… Ma della Resurrezione proprio no! Non a caso, per farlo, noi ci riferiamo a cose umane: una pietra tombale ribaltata, una tomba vuota, una calunnia su un corpo rubato e cosi via. 

Eppure, attraverso questi semplici dettagli umani, noi siamo condotti per mano a qualcosa più grande di noi: Gesù è Risorto! I teologi parlano di evento che è, a un tempo, storico e metastorico. Di mezzo, tra la storia e la realtà oltre la storia, ci sono le corse, i dubbi, gli affanni, i desideri delle discepole, soprattutto, e dei discepoli, le apparizioni, i presunti vaneggiamenti. Noi non abbiamo molte difficoltà a comprendere tutto quello che è storico, che è terra, tomba vuota, sentimenti contrastanti e mancanze di fede. Ma abbiamo molte difficoltà a capire quello che va oltre il nostro sguardo. Non potrebbe essere diversamente. Non stiamo parlando di un sacrifico, di una morte cruenta e inflitta ingiustamente, che per quanto orribile, fa purtroppo parte di quel lato oscuro di umanità che spesso si manifesta. Stiamo parlando di chi vince la morte.

 Nel testo evangelico, le donne, per comprendere sono invitate a ricordare che bisognava che Cristo fosse crocifisso e morisse. Bisognava? Si bisognava: “se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto” (Gv 12, 24). Forse noi non capiamo questo “bisogno”. Ci rifiutiamo di capire che non c’è vera vita senza morte o sacrificio o dolore o costi vari. Non c’è vera vita senza l’affrontano e il superare, con l’aiuto di Dio, tutte le avversità che negano la vita. 

 L’ha detto bene Primo Mazzolari: “C'è soltanto un invito: l'invito divino che ha la capacità di rifare, di rimettere a posto, di ricostruire. La primavera è bella perché essa è la ricostruzione, da parte dell'onnipotenza di Dio, della natura che nell'inverno è venuta meno. E così, vedete, la Pasqua è bella non perché il Signore si sia sottratto alla morte, ma perché ha vinto la morte”.

Mi piace anche ricordare che anche un ateo, Albert Camus, ha espresso la sua sintonia con questa visione affermando: “Riscoprivo che bisognava conservare in sé intatte una freschezza, una sorgente di gioia, amare la luce che si sottrae all’ingiustizia, e con questa luce conquistata tornare a lottare... Imparavo finalmente, nel cuore dell’inverno, che c’era in me un’invincibile estate”.

Rocco D’Ambrosio

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Copertina114

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 114
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: L'Europa

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) testi da inviare entro il 30 aprile 2019.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?)  testi da inviare entro il 30 agosto 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.