Tu sei qui: Home / In Parola / Bontà possibile, di Rocco D'Ambrosio

Bontà possibile, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 16:30
La bontà non si inventa. Nasce dal più profondo di sé: dal modo in cui ognuno si “coltiva”. Parole, sentimenti, progetti, strategie di vita vanno sottoposte a...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù disse: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono.
Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano.
Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola».
(Gv 10, 27-30).

21.4.13: Sull’ascolto è basato tanto della nostro vivere, molto della vita religiosa, specie giudaico-cristiana. Tra il pastore e le pecore c’è questo importante mezzo: la voce. Il pastore guida le pecore e queste lo seguono, perché conoscono la sua voce. E’ il tema noto e attualissimo della comunicazione. Il leader fedele è colui che sa comunicare, cioè è attento alle persone e a quanto comunica, in termini di verità e di ben vivere. La comunicazione autentica e sincera non è solo garanzia di un buon rapporto del leader con i membri del gruppo, ma è anche condizione indispensabile perché l’istituzione realizzi le sue finalità.

Ma la comunicazione autentica e sincera non basta. Il pastore è anche colui che da la vita, difende le pecore e non permette che nessuno le strappi dalla sua mano. E’ il buon pastore. Stiamo sempre più apprezzando la bontà sincera e profonda di papa Francesco. Ma, in questa settimana, abbiamo anche visto tanta cattiveria, chiusura, ipocrisia e ricerca del proprio interesse, proprio tanta, fuori e dentro il parlamento. Forse così tanta da indurci a pensare che la bontà non è (più) possibile nel nostro mondo. Questa è la sfida: dire e testimoniare una bontà possibile.

Ma la bontà non si inventa. Nasce dal più profondo di sé: dal modo in cui ognuno si “coltiva”. Parole, sentimenti, progetti, strategie di vita vanno sottoposte alla domanda costante, nient'affatto retorica, che spesso poniamo ai piccoli e non a noi adulti: sono buono? Sono buono, cioè voglio il bene mio e degli altri con le mie parole, i miei sentimenti e i miei gesti? E’ facile notare, quando si affronta un discorso del genere, il volto di alcuni che si vela di un dubbio, alcune volte anche di una smorfia. Come a dire: parla di bontà, sogna se vuoi, ma la realtà è un’altra. La realtà è una sola, fatti di buoni e di cattivi. La realtà è fatta di scelte, anzi di una scelta, quella sempiterna: tra bontà e cattiveria (con le sue mille gradazioni). Chi inizia con il dire che il mondo di oggi non da spazio alla bontà, che apparterrebbe ad altri tempi, è già fuori pista, coltivandosi in cliché un po’ sciocchi e dannosi. L’essere buoni, da che mondo è mondo, è stato sempre un’impresa ardua: cambiano contesti e atteggiamenti ma la sostanza no. L’essere buoni è una scelta di vita, che prescinde dalla difficoltà o facilità dell’ambiente. In altri termini non va misurata sulla cattiveria altrui. Bontà sarebbe la fine - e non sarebbe bontà autentica - se la esercitassi solo perché altri attorno a me lo fanno. Con ciò non voglio dire che un ambiente sano non aiuti, ma l’ambiente non è tutto. E l’ambiente di vita fa anche parte della sfida interiore nel testimoniare bontà, ovunque e comunque.

La bontà nasce dentro, dal proprio modo di coltivarsi e si manifesta immediatamente nel comunicare. Chi è buono, nelle intenzioni quanto nei fatti, comunica in maniera sincera. Chi si ostina nelle sue idee, chi non abbandona i suoi interessi non comunica o, meglio, comunica solo chiusure e distruzioni. Al contrario chi comunica autenticamente, direbbe la Arendt addotta parole che "non sono usate per nascondere, ma per manifestare se stessi e i gesti non sono usati per violare e distruggere, ma per stabilire nuove relazioni e creare nuove realtà".

Ma la bontà non si ferma alla comunicazione. Arriva fino al dono di sé: Io do loro la vita eterna - dice il Buon Pastore - e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano. Anche questo non si inventa. E’ il diretto sbocco del coltivarsi in bontà. Milioni e milioni di donne e uomini, in ogni cultura e in ogni tempo, hanno testimoniato la bontà che Gesù abbozza con pochissimi atteggiamenti: comunicare, dare la vita, non perdere, custodire nella propria mano gli altri. Potrebbe essere un utilissimo esercizio di crescita personale imparare a coniugare la bontà utilizzando i verbi evangelici; ci aiuterebbe anche a evitare ogni retorica stucchevole e insopportabile. E l’attualità e freschezza delle parole evangeliche non temono confronti. Quindi, sono buono solo e se comunico, do la vita, non perdo ma custodisco nella mano gli altri. Solo in questo tipo di prassi, nonostante tutte le cattiverie dentro e fuori di me, posso scoprire che essere buono è possibile. E fa bene non solo agli altri ma anche a me. Si: l’essere buoni fa bene, molto bene, a me e agli altri.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.