Tu sei qui: Home / In Parola / Attese e distrazioni, di Rocco D'Ambrosio

Attese e distrazioni, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 26/11/2016 21:56
Vita e morte hanno bisogno di preparazione. E chi lo può negare? Ci vuole solo onestà e saggezza per ammetterlo, a prescindere dalla cultura e/o religione da cui proveniamo. Dobbiamo essere pronti...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo». (Mt 24, 37-44).

27.11.2016. Conserva ancora il suo profondo valore quanto ha scritto William Shakespeare nel suo "King Lear": “Gli uomini debbono pazientare per uscire da questo mondo proprio come per entrarvi; tutto sta nell’essere pronti”. Come dire che vita e morte hanno bisogno di preparazione. E chi lo può negare? Ci vuole solo onestà e saggezza per ammetterlo, a prescindere dalla cultura e/o religione da cui proveniamo. Dobbiamo essere pronti. Non solo per entrare nel mondo o per uscirvi, ma anche per continuare a starci.

“Tenetevi pronti”, dice Gesù. Facile a dirsi, difficile, molto difficile, a farsi. E, oggigiorno, credo, soprattutto perché siamo distratti: da lavoro, da relazioni, da impegni, dalla tecnologia e via discorrendo. Spesso la nostra mente fa come la gazza: raccoglie tutto quello che luccica. Cosi ci riempiamo le giornata e la vita di tanto, di troppo. Tutto di valore? Dubito. Cosi l’attesa perde valore  perché abbiamo già riempito molti spazi della nostra mente e del nostro cuore, come della nostra vita. Che senso ha, allora, attendere? Chi? E perché?

Una vita troppo piena, attende poco. Attende poco le cose belle e autentiche, le persone di valore e, in primis, il Signore. Si può porre rimedio a questo deficit di attesa? Ossia esistono cammini educativi per imparare ad attendere il Signore? Risponderei che essi sono non molto diversi da quelli di fede, in senso lato. Chi crede, ama e attende. Se non attende, qualcosa non va nella sua fede e nel suo amore per il Signore. Tutto qui? Sembra proprio di si: si può passare la vita mangiando e bevendo, prendendo moglie e marito senza accorgersi di ciò che conta, di ciò che è vero, di ciò che dura. Si può anche far finta di credere nel Signore senza che questa discutibile fede ci smuova più di tanto, nei pensieri, nei sentimenti, come nella vita. Se stiamo in questa situazione saremo tra quelli che non entreranno nel suo Regno: Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.

Ha ragione Shakespeare che dobbiamo “pazientare per uscire da questo mondo proprio come per entrarvi”, ma è anche vero che questa fatica è orientata. Pazientiamo per volgere al meglio la nostra vita, per renderla autentica e portatrice di frutti. In un parola: pazientiamo per vedere il Signore. Vi sembra poco?

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.