Tu sei qui: Home / In Parola / Attese, di Rocco D'Ambrosio

Attese, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 24/09/2015 13:32
Mi sono sempre chiesto se basti - per educare all’attesa - invitare genericamente ad attendere, nel nostro caso, il Signore e pensare che il tutto, quasi automaticamente si realizzi. Funziona così?

 

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.
Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».
(Mt 24, 37-44).

1.12.2013. Mi sono sempre chiesto se basti - per educare all’attesa - invitare genericamente ad attendere, nel nostro caso, il Signore e pensare che il tutto, quasi automaticamente si realizzi. Funziona così? Non proprio. Partiamo dalle nostre piccole e grandi attese. Se li analizziamo bene ci rendiamo conto che attendiamo persone o eventi che amiamo o desideriamo, per un motivo o per un altro. Si attende l’amico, l’amato o l’amata, i propri cari lontani, o, se stiamo soffrendo, migliori situazioni di salute o di condizione esistenziale (economica, specie di questi tempi). Non si attende chi non ci interessa o eventi che ci lasciano indifferenti.

La conseguenza di tutto ciò sarebbe molto chiara: non attendiamo il Signore perché lo amiamo poco, ci interessa poco. La famosa critica di Ignazio Silone avrebbe oggi ancora tanto senso e ragione: Non potevo stare tra gente che dice di attendere la vita eterna, il ritorno di Cristo in gloria, il mondo nuovo con la stessa indifferenza con cui si aspetta il tram. Che ci piaccia o meno, è così. Il senso dell’attesa svela il nostro reale amore per il Signore. Con amici, amati, parenti ed eventi importanti ci comportiamo diversamente. Il Signore, invece, molto spesso lo trattiamo… come il tram! Un grande credente, Theilard De Chardin, ha scritto: Continuiamo ad affermare che siamo desti nell’attesa del Maestro. In realtà, se volessimo davvero essere onesti, dovremmo ammettere che non aspettiamo più un bel nulla.

Si può porre rimedio a questo deficit di attesa? Ossia esistono cammini educativi per imparare ad attendere il Signore? Risponderei che essi sono non molto diversi da quelli di fede, in senso lato. Chi crede, ama e attende. Se non attende, qualcosa non va nella sua fede e nel suo amore per il Signore. Tutto qui? Sembra proprio di si: si può passare la vita mangiando e bevendo, prendendo moglie e marito senza accorgersi di ciò che conta, di ciò che è vero, di ciò che dura. Si può anche far finta di credere nel Signore senza che questa discutibile fede ci smuova più di tanto, nei pensieri, nei sentimenti, come nella vita. Se stiamo in questa situazione saremo tra quelli che non entreranno nel suo Regno: Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.

Essere pronti, allora, vuol dire qualcosa di molto impegnativo per i miei pensieri, per il mio e la mia vita. Ha scritto William Shakespeare nel suo King Lear: Gli uomini debbono pazientare per uscire da questo mondo proprio come per entrarvi; tutto sta nell’essere pronti.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.