Tu sei qui: Home / In Parola / Annuncio che libera

Annuncio che libera

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 16:08
Il Vangelo è un annuncio liberatorio. E’ un annuncio che interseca la vita concreta di tutti, specie degli ultimi e la trasforma. Credo che abbiamo bisogno di riprendere in mano il grande contributo della teologia della liberazione...

Il Vangelo odierno: Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, così anch’io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza, fin dagli inizi, e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teòfilo, in modo che tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.

In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode.

Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:

«Lo Spirito del Signore è sopra di me;

per questo mi ha consacrato con l’unzione

e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,

a proclamare ai prigionieri la liberazione

e ai ciechi la vista;

a rimettere in libertà gli oppressi

e proclamare l’anno di grazia del Signore».

Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato». (Lc 1, 1-24).

 

27 gennaio 2013: Riferire la propria vita a un “libro” è un qualcosa di così diffuso nel mondo. Un “libro” è alla base della fede delle grandi religioni monoteiste – ebraismo, cristianesimo e islam -, un libro è riferimento per tanti nel mondo che ispirano la propria vita a principi morali forti quali la pace, la giustizia, la solidarietà e così via. Gesù prende in mano il “libro” nella forma di un rotolo. Lo legge e lo proclama attuale, realizzato. Ma andiamo in ordine.

Partiamo dal contenuto. E’ il passo di Isaia che non parla di culto o verità astratte. Parla, invece, dello Spirito del Signore che annuncia gioia ai poveri, liberazione ai prigionieri, vista ai ciechi, libertà agli oppressi, grazia tanti. E’ un annuncio liberatorio. E’ un annuncio che interseca la vita concreta di tutti, specie degli ultimi e la trasforma. Credo che abbiamo bisogno di riprendere in mano il grande contributo della teologia della liberazione (al di là di infondate polemiche e inaccettabili pregiudizi) per comprendere meglio la grande forza liberatoria del Vangelo. Scrive Gustavo Gutierrez, uno degli esponenti più illustri di questa teologia: “Perciò la questione non sarà come parlare di Dio in un mondo adulto, bensì come annunciarlo, in quanto Padre, in un mondo non-umano”. Non penso che il nostro mondo abbia bisogno di annunci freddi e distaccati di verità astratte quanto di una paternità che libera e rinnova la vita, la rende più umana con la carezza di Dio. Pensiamo a quale annuncio evangelico possiamo portare a persone disoccupate, malate gravemente, emarginate, distrutte interiormente. Parleremo loro di “principi morali”, di impegno per la “cultura cristiana” o quant’altro di simile? E a che servirebbe? Forse solo a presentare aspetti religiosi lontani, non certamente la mano del Cristo che libera e rende liberi. Ancora Gutierrez: “Riflettere (teologicamente) sulle basi della prassi storica della liberazione significa riflettere guardando all’azione che trasforma il presente. Ma non significa fare questo da una poltrona; piuttosto significa ricercare le radici in cui pulsa il battito della storia e illuminare la storia con le parole del Signore della Storia, che irreversibilmente è impegnato per condurre l’umanità verso il proprio adempimento”. Ancora una volta la sfida per i credenti è molto grande. Ma non impossibile.

Il secondo punto. Gesù afferma che compie questo passo. La realizzazione di questa grande opera liberatoria non è nelle nostre forze, né tantomeno nostro merito. E’ l’opera di Cristo da sempre. Esiste una storia di liberazione dei miliardi di donne e uomini, di interi popoli che da sempre si compie nel mondo, anche se tra tante difficoltà. Molto spesso non è registrata nei libri ufficiali di storia, ma c’è. Procede e il Signore Gesù è in testa a sostenerla e portarla avanti. A noi spetta se entrarci o continuare a vivere una vita di fede ridotta a riti e concetti che non ispirano più la vita né vanno incontro agli ultimi per annunciare loro liberazione. Ancora Gutierrez: “La liberazione umana e lo sviluppo del regno sono entrambi orientati verso la completa comunione degli esseri umani, con Dio e con se stessi. Essi hanno lo stesso obiettivo, ma non seguono strade parallele e neppure convergenti. Lo sviluppo del regno è un processo che si presenta storicamente nella liberazione, nella misura in cui liberazione significa un adempimento umano più grande. Inoltre, possiamo dire che l’evento storico e politico della liberazione segna lo sviluppo del regno, non di tutta la salvezza”.

 

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.