Tu sei qui: Home / In Parola / Amore e forze, di Rocco D'Ambrosio

Amore e forze, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 20/05/2017 17:29
Quali esperienze affettive facciamo? Banalità e stupidità, in materia, non ci hanno fatto anche perdere il gusto di leggere o ascoltare qualcosa di serio e profondo sull’amore?

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi.
Non vi lascerò
orfani: verrò da voi. Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete. In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi.
Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è
colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch’io lo amerò e mi manifesterò a lui». (Gv 14, 15-21).

21 maggio 2017. Confesso che ho tanta difficoltà a dedicare qualche parola al tema dell’amore, specie in un contesto omiletico. Vale un po’ per tutto, ma in particolare per il tema dell’amore: mi chiedo che esperienze affettive sta facendo chi mi ascolta (o legge)? Banalità e stupidità, in materia, non ci hanno fatto anche perdere il gusto di leggere o ascoltare qualcosa di serio e profondo sull’amore?

Siamo tutti un po’ consapevoli che il discorso su ciò che contraddistingue lessere cristiano amore, misericordia, perdono subisce spesso un terribile impoverimento moralistico, tanto da poter affermare con Mounier che lamore è ormai presentato come una virtù inghirlandata di papavero (L’Affrontamento cristiano): un atteggiamento debole, moralistico, inefficace, narcisistico, con complessi dinferiorità, egocentrico, alcune volte anche volgare.

All’amore, allora, dobbiamo ridare forza. Gesù parla di un Paraclito, di un Soccorritore, Consolatore, Avvocato, Difensore (stando alla traduzione dal greco). Quasi a dire che senza un aiuto dall’alto… restiamo con i papaveri del nostro amore, deboli e belli solo per poco.

In altri termini: Gesù conosce la nostra incapacità, molto bene. Sa che qualsiasi lontananza da Lui ci rende orfani. Più avanti sarà ancora più chiaro:Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso” (Gv 16,12). Essere orfani o essere incapaci di portare il peso indica una situazione di debolezza e di dipendenza. Costante debolezza e forte dipendenza. Dipendiamo dal Cristo nell’amare? Ci aggrappiamo a Lui? Tolta questa relazione col Cristo il nostro modo di amare incontra problemi, tanti problemi. Ciò vuol dire che chi crede in Cristo azzera e risolve tutti i suoi problemi di amore? No, perché Gesù non è il deus ex machina che appare nella scena della nostra vita e porta via tutti i suoi guai. Gesù ci dona un Paràclito, cioè di uno che viene in aiuto, un assistente, un difensore.

Non possiamo amare senza che qualcuno ci assista. Non è mai un aiuto che viene dal basso, cioè dalle nostre capacità fisiche, intellettuali ed emotive (anche se queste possono essere strumento di Dio… aiutati che Dio ti aiuta!). E’ un aiuto che viene dall’alto, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Quando si ama si ha bisogno degli altri non solo perché a essi è indirizzato il nostro amore, si ha anche bisogno di guide esperte e di consigli saggi. Di un Paràclito!

Mano nella mano del Paràclito iniziamo a fare un’esperienza di un amore, illuminato dalla luce del Risorto, che è un amore forte. Forte per la sua sorgente. Forte per il suo sostegno. Forte per la sua chiarezza. Forte per la sua gioia.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.