Tu sei qui: Home / In Parola / Il tocco del Cristo, di Rocco D'Ambrosio

Il tocco del Cristo, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 15:56
C’è molta fisicità nel brano odierno dell’evangelista Marco. Sembra quasi che tutti i sensi siano coinvolti nel miracolo che Gesù opera. Si pensi ai verbi usati...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidòne, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli. Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!». (Mc 7, 31-37).

C’è molta fisicità nel brano odierno dell’evangelista Marco. Sembra quasi che tutti i sensi siano coinvolti nel miracolo che Gesù opera. Si pensi ai verbi usati: portare, imporre le mani, toccare gli orecchi e la lingua con la saliva, guardare, sospirare, sciogliere il nodo della lingua, parlare. Sembra che a Gesù interessi non solo compiere il miracolo ma anche marcare i passaggi fisici dell’evento. E’ un evento che si compie nella carne del sordomuto: la sua fisicità è il luogo in cui Dio si manifesta, compie la meraviglia della guarigione. Come ogni miracolo è rinascita non solo interiore ma anche fisica: è festa per il cuore, la mente e il corpo, per tutta la persona. Non possiamo negare che sono sempre esistite, nella storia del Cristianesimo, correnti che hanno spiritualizzato il messaggio cristiano fino a farlo diventare qualcosa di etereo, di disincarnato, lontano dalla realtà concreta. Gesù si è fatto carne (Gv 1, 14) e opera, redime, salva nella carne. Gli approcci spiritualisti e antifisici hanno ancora molta influenza nella nostra vita personale: lo si nota da come ci rapportiamo alla nostra realtà corporea, ai suoi bisogni, alla sua sfera sessuale, ai tempi del lavoro e del riposo fisico e mentale, alla malattia, alla salute e alla prevenzione medica, alla fisicità nelle relazioni e così via. Spesso combattiamo con la nostra realtà corporea, magari desiderando, come eterni adolescenti, di averne un’altra o negando i suoi bisogni o forzando i suoi ritmi. Qualsiasi cosa il Signore abbia compiuto o voglia ancora realizzare nella mia vita è stato o sarà nella mia carne. L’educazione alla corporeità non è solo un elemento fondamentale e indispensabile della crescita dei piccoli e dei giovani; ma è anche un costante punto di riferimento della formazione degli adulti. E ciò non porta solo fatica ma anche stupore e bellezza. Il sordomuto fu accolto, toccato, accarezzato e guarito dal Signore. L’evento fu nella sua carne. Fu fatto bene, annotano i discepoli. Suscitò stupore, creò gioia.

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.