Tu sei qui: Home / In Parola / Fede che salva, di Rocco D'Ambrosio

Fede che salva, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 16:06
Sono molto facili, specie tra i credenti di tutte le religioni, i discorsi sulla fede. E’ fuori dubbio che i testi sacri offrono testimonianze, esperienze e riflessioni emblematiche che si intrecciano in mille modi...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, mentre Gesù partiva da Gèrico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!». Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!». Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù. Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Va’, la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada. (Mc 10, 46-52).

Sono molto facili, specie tra i credenti di tutte le religioni, i discorsi sulla fede. E’ fuori dubbio che i testi sacri offrono testimonianze, esperienze e riflessioni emblematiche che si intrecciano in mille modi con le esperienze e riflessioni di ognuno di noi. Quella del cieco Bartimeo è una manifestazione di fede che è densamente carica della coscienza di un limite, non fisico (la cecità), ma interiore. La sua non è una superficiale richiesta di perdono, penso che sia un presentarsi al Signore con la coscienza che tutto - male fisico, male spirituale e male relazionale – è profondamente intrecciato. Ed è così! Può essere diversamente? Si ma non sarebbe più fede: diventerebbe spiritualismo o moralismo o magia. Bartimeo è li con tutto se stesso: cecità, peccato, incapacità varie. Sta li e sa che solo il Signore lo può salvare. Ma il Signore dice che è la sua fede a salvarlo! E’ una sorta di intreccio che si completa: cecità, peccato, incapacità varie incontrano il Signore e sono redente, cioè “ricomprate”. Qualcuno, il buon Dio, paga caro per esse e Bartimeo può ritornare a vivere. Una bella parabola di fede. La nostra?

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO è stato già spedito.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 luglio 2020.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 agosto 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 30 settembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.