Tu sei qui: Home / In Parola / Ultimi e servi, di Rocco D'Ambrosio

Ultimi e servi, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 15:58
Forse non c’è persona al mondo che non abbia pensato o discusso almeno una volta della sua superiorità rispetto ad altri. Forse una sola volta, forse per un solo aspetto, forse per un solo momento...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse. Insegnava infatti ai suoi discepoli e diceva loro: «Il Figlio dell’uomo viene consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma, una volta ucciso, dopo tre giorni risorgerà». Essi però non capivano queste parole e avevano timore di interrogarlo. Giunsero a Cafàrnao. Quando fu in casa, chiese loro: «Di che cosa stavate discutendo per la strada?». Ed essi tacevano. Per la strada infatti avevano discusso tra loro chi fosse più grande. Sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti». E, preso un bambino, lo pose in mezzo a loro e, abbracciandolo, disse loro: «Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato» (Mc 9, 30-37).

Forse non c’è persona al mondo che non abbia pensato o discusso almeno una volta della sua superiorità rispetto ad altri. Forse una sola volta, forse per un solo aspetto, forse per un solo momento. Ma comunque l’ha fatto. Perché esso è un sentimento naturale: sentirsi superiori. E’ un istinto originario; eticamente la si chiamerebbe superbia, o nelle sue varianti: orgoglio, autoreferenzialità, sufficienza, spocchia e via dicendo. Gesù accoglie e quasi legittima questo desiderio di essere superiori, cioè più grandi, diremmo primi della classe. Lo accoglie ma capovolge la via per arrivarci: per essere primi e grandi bisogna farsi ultimi e servi. E’ uno delle diverse provocazioni del Vangelo, quasi assurde umanamente: chi è primo è primo, chi è ultimo è ultimo, come chi è grande è grande e chi è servo è servo. Detto questo il discorso potrebbe assumere la via di un’esortazione all’umiltà con pochi fondamenti e convinzioni e tanta ipocrisia e retorica. Penso, invece, che si debba essere onesti con se stessi e non fingere o barare. Porto, portiamo dentro un desiderio costante di essere primi e grandi, chi più, chi meno. E’ la nostra natura. Non va negata ma accettata. L’adesione al Cristo è sconvolgete e destabilizzante. Siamo invitati a fare quello che, in genere, non ci viene spontaneo e naturale. Non c’è bisogno di usare cilici, falsa umiltà, rinnegamento dei doni divini. Possiamo anche avere, per grazia di Dio, capacità e possibilità che ci fanno diventare primi e grandi nei contesti in cui viviamo, fosse solo limitatamente ad alcuni ambiti e momenti. Ebbene non è questo il punto! Il punto è che in tutte le situazioni, nessuna esclusa, siamo sfidati dal Signore a individuare percorsi che ci fanno ultimi e servi. Ma che significa tutto ciò? Significa che anche se volessimo altro, anche se stessimo vivendo altro, anche se ci chiedessero altro… mente e cuore non si devono distrarre da un cammino interiore ed esteriore per diventare ultimi e servi. Last but not least, ossia da ultimo ma non per ultimo: l'impegno ad essere ultimi e servi necessita di amici. Ho sempre pensato che l’amicizia, come insegna Aristotele e anche la Bibbia (Sir 6), è il più grande aiuto per crescere nelle virtù, umiltà compresa. Gli amici autentici ci aiutano ad avere misura di noi stessi, a non montarci la testa, a smontarcela qualora l’avessimo fatto, a farci ultimi e servi anche quando non ci piace, ad accettare il peso dell’umiliazione e della sconfitta, a scoprire la dolcezza dell’umiltà che si nasconde dietro la sua amarezza. Gli amici sono una medicina (Sir 6, 16) contro ogni superbia, spocchia e autoreferenzialità. Medicina rara e preziosa.

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.