Tu sei qui: Home / In Parola / Povertà, di Rocco D'Ambrosio

Povertà, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 16:00
Un certo disagio può cogliere nel parlare di povertà. Specie quando poveri non si è. Anche se non si è ricchi, comunque si sta molto meglio di tanti poveri, di tutte le latitudini. Un po’ ci si sente come il tale del Vangelo odierno...

 

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: “Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre”». Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!». Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni. Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!». I discepoli erano sconcertati dalle sue parole; ma Gesù riprese e disse loro: «Figli, quanto è difficile entrare nel regno di Dio! È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». Essi, ancora più stupiti, dicevano tra loro: «E chi può essere salvato?». Ma Gesù, guardandoli in faccia, disse: «Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio». (Mc 10. 17-30).

Un certo disagio può cogliere nel parlare di povertà. Specie quando poveri non si è. Anche se non si è ricchi, comunque si sta molto meglio di tanti poveri, di tutte le latitudini. Un po’ ci si sente come il tale del Vangelo odierno: “a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni”. Possediamo molti beni, pur non essendo ricchi e il brano evangelico suona ancora più difficile ed esigente: Gesù è molto chiaro, chi possiede ricchezze non può entrare nel Regno dei Cieli. E la forza di queste parole quasi istintivamente ci fa dire come i discepoli: “E chi può essere salvato?”. “Ma Gesù, guardandoli in faccia, disse: «Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio»”. Questa parola del Signore da serenità e forza. Lui non è il ragioniere dei nostri beni mobili e immobili; è solo colui che ci ama e non vuole che diventiamo schiavi di beni e denaro. Non vuole che ciò che critichiamo nei vari ricchi, banchieri, imprenditori, politici, manager, calciatori e attori si realizza anche nel poco delle nostre proprietà. Non a caso Gesù ricorda che “Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti” (Lc 16, 10). Allora la questione povertà va posta, credo, in termini di fedeltà a Dio e libertà da ogni bene. Sempre e comunque: essere e mantenersi poveri vuol dire non volgere le spalle al Signore e non attaccarsi a denaro e affini.

E poi i poveri, quelli veri, quelli più di noi. Quelli a cui bisogna donare, donare, donare: senza se, senza ma. Troveremo mille scuse per non farlo se siamo infedeli a Dio e schiavi di beni, avidi, invidiosi, avari e quant’altro. Abbiamo sempre bisogno di essere scossi in materia, per non volgere le spalle come il tale del Vangelo. Grazie a Dio non mancano mai quelli che, come diceva l’Abbè Pierre, sono capaci di far insorgere la bontà e di aprire il cuore a chi ha meno. Eppure ciò non basta. L’esistenza di profeti e testimoni non può essere mai la scusa per non affrontare il problema della povertà e non cambiare stili di vita personali, comunitari e politici. Infatti chi oggi si oppone all’impegno per i poveri, molto spesso appartiene a quelli che lottano, ad ogni piè sospinto, per aumentare potere e profitti. Si pensi ai politici e ai loro privilegi di casta, ma si pensi anche a diversi leader di comunità religiose e non, tutti intenti a difendere il proprio (grande) orticello, senza nessun interesse per chi di orti non ne ha affatto.

Ma ci vuole un oblio della coscienza per rimanere tranquilli davanti a tante povertà: l’esistenza dei poveri, secondo l’Abbe Pierre, è una provocazione per chi ha e non fa nulla. I poveri esistono, sono a noi prossimi, sono e saranno sempre con noi, ci ricorda Gesù. E con la crisi economica il loro numero aumenta giorno dopo giorno. E sono persone come noi e spesso migliori di noi, sono lavavetri, extracomunitari, disoccupati, lavoratori sfruttati, prostitute, barboni, senzatetto, nomadi, carcerati, analfabeti, ammalati gravi, bambini violentati, disagiati psichici, mendicanti, emarginati e via discorrendo. Il problema è che, davanti a loro, non riusciamo ad essere come il nostro Abbè: “In quello che sono stato, niente è stato previsto metodicamente o è stato frutto di una riflessione. Si è trattato semplicemente di non tirarmi indietro di fronte a circostanze e avvenimenti, a richieste di aiuto da parte della gente. Avrei potuto, come se fosse stato normale, dire a me stesso: non sono affari miei, ci devono pensare i servizi sociali. Ma istintivamente sono corso in aiuto di questi esseri umani”.

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Copertina114

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 114
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: L'Europa

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) testi già inviati; in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?)  testi da inviare entro il 30 agosto 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.