Un fine generoso, di Rocco D'Ambrosio

creato da webmaster ultima modifica 18/04/2019 16:48
Pubblicato il giornale di Cercasi un Fine n. 100. 2005-2015: 100 numeri di giornale, 10 anni di attività. Il momento di una riflessione condivisa ...

 

Quando abbiamo iniziato, dieci anni questo giornale, e qualche anno prima le scuole di politica, abbiamo scommesso su Lorenzo Milani, come guida e fonte di ispirazione.
Abbiamo scommesso che, pur nella diversità dei tempi e dei contesti sociali e politici, potessimo, anche noi, “cercare un fine onesto, grande, giusto [cioè il] dedicarsi al prossimo”.
Ci siamo riusciti o meno, spetta non solo a noi valutarlo, ma soprattutto a voi, che ci avete seguito. Spetta a tutti quelli che noi chiamiamo “compagni di strada”: redattori e soci dell’associazione, lettori e sostenitori del giornale, corsisti delle scuole, collaboratori e docenti, amici e conoscenti incontrati nelle tante iniziative.

Diverse cose ci hanno provato in questi anni: la scarsezza delle risorse economiche; un volontariato, alcune volte, vissuto in maniera incostante (dai redattori all’ultimo dei corsisti); l’opposizione ecclesiale (specie di alcuni pastori e fedeli laici); l’opposizione politica di chi ci ha negato risorse pubbliche (come nel caso del milione di euro rifiutato per la Casa della Convivialità); l’ipocrisia di una parte marcia della sinistra che, a parole, dice di condividere solidarietà e giustizia, ma nei fatti è di un populismo e mafiosità senza precedenti.

Diverse altre ci hanno confortato e spronato ad andare avanti: l’entusiasmo e la passione di coloro che credono che l’Italia, specie il sud, non sia ancora totalmente ostaggio di leader populisti e/o mafiosi; l’impegno di chi si è formato nelle nostre scuole e poi ha assunto responsabilità pubbliche; i vari riconoscimenti avuti a livello locale e nazionale; lo scommettere sempre sulla qualità più che sulla quantità.

I ragazzi di Milani si e ci chiedono: “E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola?”.
È una domanda che spesso, da solo o con gli amici di Cercasi un fine, mi sono posto.
Politica, mondo del lavoro e formazione sono ancora gli assi portanti del nostro essere cittadini? Sono ancora i luoghi in cui realizziamo la nostra identità di cittadini italiani e, per alcuni di noi, di cristiani? Non è che la crisi economica ci sta rendendo sempre più avari, chiusi agli altri e preoccupati solo del nostro avvenire e non certo di politica- sindacato-scuola?

Non a caso cresce quell’atteggiamento di cooperazione e solidarietà vissuto solo se a costo zero.
In altri termini ci si impegna, si è generosi solo nella misura in cui dono il superfluo o quanto è destinato ad essere buttato via. Oppure si è generosi, o si crede di esserlo, solo con un click su FB o su una pagina web. Se invece si tratta di risorse a me preziose (tempo, beni economici, potere) la mia generosità non può realizzarsi.
Non ci vuole molto a spiegare l’assurdità di tale pretesa: non esiste atteggiamento di cooperazione e solidarietà che non costi qualcosa, anche se piccola e nascosta.
Non a caso Milani opponeva la politica, il prendersi cura degli altri all’avarizia: “il problema degli altri è uguale al mio. Sortirne tutti insieme è la politica. Sortirne da soli è l’avarizia”.

Il futuro del nostro giornale, delle scuole e di tutte le attività sono nelle nostre mani e sarà ricco di positività solo nella misura in cui il riferimento a Milani diventa pane quotidiano. Non è facile, anzi è parecchio difficile. Ma è l’unico modo per “essere sovrani”, visto che “non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte”.

Rocco D’AMBROSIO, Direttore responsabile
Sito web: www.rocda.it


Scarica il giornale n. 100, 2015 - Anno XI

 


Contribuendo

Le nostre attività sono tutte autofinanziate.
Grazie per il tuo sostegno!

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.